GIOVEDÌ SANTO: Messa in Coena Domini e lavanda dei piedi

Il vescovo Daniele lava i piedi a una bambina che presto riceverà la prima Comunione

Oggi, alle 18.30, in cattedrale il vescovo Daniele ha celebrato la Messa in Coena Domini, a ricordo dell’ultima cena di Gesù.

“Una messa – ha detto nell’omelia – che ci presenta la croce di Gesù, gloriosa anche se era uno strumento di morte. Come ci si può gloriare della croce?
Lo spiega Gesù, ha aggiunto mons. Gianotti. Nella lavanda dei piedi ci lascia la chiave di lettura: la croce per Gesù è il dono della vita: la vita non viene tolta ma donata. Quel corpo inchiodato sulla croce è la vita data per noi. L’Eucarestia e la lavanda dei piedi ci indicano quanto la vita ci viene donata. E Gesù dice: fate anche voi quello che io ho fatto: quindi non dobbiamo celebrare solo dei riti, ma fare veramente della nostra vita un dono come ha fatto lui: mettersi al servizio dei nostri fratelli. Solo una vita donata è una vita veramente salvata.”

Dopo l’omelia il vescovo Daniele ha lavato i piedi a dodici bambini e bambine dell’Unità Pastorale Cattedrale e SS. Trinità che riceveranno prossimamente la Prima Comunione.