VIA BACCHETTA – Essenze da piantumare, le proposte migliorative dei cittadini

Via Bacchetta... al tempo dei bagolari

Un gruppo di cittadini ha scritto al sindaco Stefania Bonaldi, all’assessore all’Ambiente ed ecologia matteo Gramignoli e all’assessore ai Lavori pubblici Fabio Bergamaschi in merito alla relazione dell’agronomo Giampietro Bara, avanzando quellache definiscono una proposta migliorativa per la sostituzione degli alberi abbattuti di via Bacchetta.

“Siamo interessati a rendere migliore la città di Crema e riteniamo le essenze consigliate ed elencate  anche nella relazione dell’agronomo incaricato dal Comune non idoneee a sostituire i preziosi e utili  alberi della strada cittadina. Abbiamo chiesto ad alcuni esperti di fornirci un elenco di alberi alternativi e migliorativi  alla proposta di cui all’oggetto”, esordiscono.

Principalmente – spiegano – perché gli alberi consigliati e descritti nella relazione dell’agronomo “sono solo  alberelli ornamentali, poco più di cespugli di scarsa e lenta crescita, a chioma ridotta, poco longevi e  inutili nella lotta all’inquinamento atmosferico. Vorremmo che l’amministrazione comunale ponesse attenzione alla nostra proposta mettendo a dimora un mix di alberi  in grado di creare anche la biodiversità  in una via cittadina, e in continuità con l’altro tratto della via”.

Oltre “alla loro capacità di termoregolazione del  microclima locale, la produzione di ossigeno e l’assorbimento di  anidride carbonica, la depurazione dell’aria, la difesa  dall’inquinamento da  polveri sottili che è oggi il problema maggiore in tutte le città della Pianura Padana”.

Il gruppo di cittadini () ha valutato anche gli ampi spazi disponibili che via Bacchetta offre (lato condomini) e la distanza dalle abitazioni nel lato opposto, consigliando di prendere in considerazione queste essenze: Tiglio selvatico (Tilia cordata), Acero riccio (Acer platanoides), Cerro (quercus cerri) in alternativa, Quercus robur Fastigiata Koster-Quercia piramidale, Olmo comune  (ulmus minor), Tiglio nostrano (tillia Platyphillos, Liquidambar styraciflua, Cercis Siliquastrum (albero di giuda).

Tra i firmatari alcuni residenti e nomi “noti” nella vicenda, come il verde Alvaro Dellera e Irene Renzi del Comitato che era sorto contro l’abbattimento, fino all’associazione Fiab – Amici della Bicicletta, da sempre attenta alle tematiche ambientali.