Cremasco – Tabaccai truffati, tre persone deferite

Ricaricavano prepagate presso le tabaccherie del territorio e se ne andavano senza sborsare il dovuto. Tre persone, un calabrese, un ligure e un residente nel Cremonese, sono stati deferiti dai Carabinieri al termine di una articolata indagine che ha permesso di ricostruire le azioni criminose messe a segno dalla gang.

Semplice il modus operandi. In primis la richiesta ad un tabaccaio della zona di ricaricare per importi importanti una prepagata. Quindi, fingendo di essere rimasti senza soldi e anticipando solo una piccola somma, la scusa della tappa al Bancomat o in auto per prendere i contanti al fine unico, però, di volatilizzarsi. A Soresina e Bagnolo Cremasco i lestofanti sono riusciti a mettere a segno la propria truffa, andando poi immediatamente a spendere il prima possibile quanto accreditato: si parla complessivamente di oltre 1.000 euro. A Castelleone, però è andata male.

Dalla rivendita di generi di Monopolio della torre è arrivata la segnalazione della presenza dei sospetti ai Carabinieri che sono giunti prontamente inchiodandoli. Due dei tre sarebbero anche stati riconosciuti dai tabaccai truffati. Il deferimento è scattato immediato.