SICUREZZA – Le domande di Simone Beretta al sindaco Bonaldi

Da qualche giorno la cremasca Luigina Bettoni – che da sette anni era alla sezione di Caravaggio – è vice comandante della Polizia Locale di San Donato Milanese.  Appena laureata in materie giuridiche, aveva iniziato la sua carriera nel 1988 come vigile urbano in città, avanzando poi di grado nel 2008 con la nomina a ufficiale. Nei giorni scorsi ha vinto il concorso a San Donato. 

Sin qui niente da ecceprire, anzi, tanti complimenti. Ma il consigliere comunale Simone Beretta (Forza Italia) quancosa da dire ce l’ha. “Ma cosa c’è che non gira per il verso giusto nell’amministrazione a guida Stefania Bonaldi? Perché una cremasca che non ha superato un concorso a Crema (unica candidata) diventa vice comandante in quel di San Donato?”, si chiede perplesso.

“Boh!!! Boh un bel corno! Voglio approfondire e settimana prossima presenterò un’interpellanza in Comune per capire come stanno le cose. Voglio comprendere se la bocciatura a Crema era di natura ‘ambientale’ o per mancanza di requisiti o per non aver superato il colloquio finale. Considerato che eravamo con il primo bando di fronte a una mobilità – continua – mi riesce difficile accettare come la stessa persona non era adeguata per Crema mentre lo è  stata per ‘quelli’ di San Donato”. Per il primo cittadino, il forzista ha in serbo anche altre domande: “Perché un vigile appena assunto è già stato trasferito all’interno del Comune e precisamente all’Urp? Ma è di vigili che noi abbiamo bisogno per la nostra sicurezza, o no?”.