Madignano – Ongaro: “Soddisfatto del lavoro svolto ma non mi ricandido”

Il sindaco Guido Ongaro, secondo da sinistra, con la sua Giunta

È un Guido Ongaro soddisfatto del lavoro svolto quello che si accinge ad accompagnare il paese alle prossime elezioni. Consultazione che, dopo 10 anni di impegno nella pubblica amministrazione come vicesindaco, prima, e come sindaco, poi, non lo vedrà in corsa né per la poltrona di primo cittadino né per quella di consigliere.
“Non mi ricandido – spiega Ongaro – per scelte personali. Decisione peraltro già a conoscenza del mio gruppo da diverso tempo. Alcuni della ‘squadra’ hanno dato la disponibilità a continuare e quindi si sta preparando una lista con un candidato sindaco che verranno presentati a tempo debito, soprattutto per rispetto a chi sta lavorando con impegno intorno a questo progetto ritengo che si presenterà nei tempi e nei modi che riterrà più opportuni”.
L’uomo che ha guidato il Comune negli ultimi cinque anni, passando anche attraverso la bufera dell’accoglienza dei migranti scatenatasi a Madignano due estati fa e affrontata nel pieno rispetto delle indicazioni della Prefettura e della Legge a tutela degli stessi ragazzi accolti da un’associazione in paese, è sereno nell’analisi del proprio mandato. Attenersi al programma elettorale non è cosa sempre facile, questa è la spilletta che Ongaro si appunta alla giacca. “Credo che la cosa più importante sia stata quella di aver cercato di rispettare sino in fondo quanto avevamo promesso agli elettori. In quest’ultimo periodo, visto che la scadenza sarà fine maggio 2019, intendo rispettare anche in termini d’impegno il mio mandato: stiamo portando a compimento alcuni progetti che vedranno la loro attuazione nei prossimi mesi e/o anni. Tra questi sicuramente il rifacimento di tutto il sistema di illuminazione pubblica, progetto ormai cantierato e appaltato, unitamente ad altri quindici Comuni del Cremasco e che troverà piena attuazione nel corso del 2019. Oltre a questo il progetto della Bul (Banda ultra larga) che unitamente a tutti gli altri comuni del cremasco, permetterà l’implementazione anche nel Comune di Madignano della fibra ottica (fiber to home) fondamentale non solo per i cittadini ma soprattutto per le attività produttive”.
Il tema della gestione sovraccomunale delle azioni amministrative e degli interventi oltre che degli ostacoli e delle problematiche da risolvere, ha sempre visto in prima fila Ongaro. A questa logica ha sempre creduto dall’inizio perché “a mio avviso rappresenta lo sbocco e la possibilità di sopravvivenza dei nostri Comuni e dell’intero territorio. Non è sempre facile coordinare e soddisfare le esigenze di tanti Comuni, gestite con le nostre società partecipate. Ma è una sfida che si deve cogliere, affrontare e vincere. Da qui passa il nostro futuro”.
Tornando ai temi amministrativi di stretta attualità “stiamo portando a termine il processo di revisione del Pgt (Piano di Governo del Territorio) che verrà adottato dopo le elezioni. Questo tipo di attività è assolutamente strategica e soprattutto necessaria essendo ormai passati parecchi anni da quando era stato impostato e approvato. L’attualizzazione si è resa indispensabile per andare incontro al mutato contesto economico e produttivo, non solo del paese ma dell’intero territorio”.
Ongaro sarà ricordato anche come il sindaco della rivoluzione viabilistica, a molti indigesta, nel centro del paese, con la istituzione del senso unico in uscita lungo via Libertà e via Roma da piazza Garibaldi a viale Rimembranze. “Dopo l’intervento – spiega – stiamo riordinando tutto il sistema dei parcheggi e delle soste con disco orario nelle vie del centro, in modo da favorire una sosta legata alle attività commerciali. Contestualmente entro la fine di marzo si aprirà la nuova area parcheggio adiacente a piazza Donatori di Sangue, con il trasferimento del mercato comunale del martedì mattina nella suddetta area, liberando quindi l’accesso da via lago Gerundo. Ci tengo a sottolineare che non ci sono stati ripensamenti da parte dell’amministrazione sulle scelte e il percorso attuato per quanto attiene la modifica della viabilità nel centro del paese, ma solo un riassestamento condiviso con le associazioni dei commercianti per quanto attiene le aree di carico e scarico e le zone di sosta. Peraltro una volta completato il progetto, il numero di parcheggi complessivi a disposizione dei cittadini (compresa l’area antistante a piazza donatori di Sangue ormai prossima alla fruizione) sarà notevolmente aumentato”.