AGNADELLO – Negli uffici della Regione è arrivato un accordo a tre per la rotonda sulla Bergamina

Palazzo Lombardia
C’è un accordo a tre per la realizzazione della rotonda sulla Bergamina. Lunedì 18 febbraio, presso gli uffici della Regione Lombardia, si è svolto un colloquio tra il comune di Agnadello, la provincia di Cremona e la Regione per giungere a un accordo. Vi erano dunque seduti al tavolo: il sindaco Giovanni Calderara, l’assessore regionale Claudia Maria Terzi e il consigliere della Provincia Rosolino Azzali con l’ingegnere Patrizia Malabarba e l’architetto Roberto Vanzini. Al centro della loro attenzione ovviamente la realizzazione della rotatoria che renderebbe più sicuro l’attuale incrocio a raso presente tra l’ex statale Bergamina e via Garibaldi.Al termine dell’incontro, di fronte anche alla cifra complessiva della rotonda pari a 450.000 euro, i tre enti hanno stabilito quanto segue: la Provincia si impegna di terminare entro giugno di quest’anno la progettazione dell’opera, oltre che occuparsi dell’esproprio delle aree interessate e del bando di gara per assegnare i lavori;  il comune di Agnadello mette a disposizione della Provincia 200.000 euro, somma di denaro proveniente dall’avanzo di amministrazione del 2018; la Regione stanzierà 300.000 euro (100mila per il 2019 e i restanti per il 2020), cifra che andrebbe anche a coprire eventuali costi aggiuntivi.
Il Sindaco di fronte a tale accordo non ha potuto che ringraziare in primis l’assessore regionale Terzi per aver mantenuto la promessa fatagli un anno fa, poi il consigliere regionale Matteo Piloni in quanto autore dell’emendamento che ha portato all’accordo.