Romanengo – Bilancio di due mesi intensi pensando all’assemblea straordionaria

Il direttivo Avis Romanengo

Chiuso il ‘super lavoro’ di dicembre e gennaio, l’Avis Romanengo pensa all’assemblea straordinaria dei soci in programma il 23 febbraio. Punto d’inizio per un altro anno di impegno sul fronte volontario della donazione di sangue.
“Veniamo da due mesi ricchi di iniziative, promosse in collaborazione con l’Aido, e soddisfazioni – spiega il presidente Mauro Cavalli – a partire dall’allestimento dell’albero principale, al centro del sagrato della chiesa e dei piccoli alberelli illuminati, posizionati tutti intorno a piazza Gramsci, novità proposta per il Natale 2018. Come dimenticare la gita ai Mercatini, svoltasi il 16 dicembre scorso a Levico Terme, a cui hanno partecipato un centinaio di persone. La scelta della meta è ricaduta in segno di solidarietà al territorio trentino. Anche il parco secolare degli Asburgo infatti a inizio novembre è stato danneggiato dal forte vento che ha recato gravi danni in tutto il territorio delle Dolomiti”.
E poi tanto altro ancora, da Babbo Natale alla Befana sino alla vendita delle arance della salute Airc sabato scorso in piazza”.
Ora per l’Avis locale è tempo di bilanci e progetti. Tutti gli associati (182 donatori attivi e 35 soci emeriti) sono invitati a partecipare all’assemblea straordinaria programmata per le 21 di sabato 23 febbraio presso il salone della Casa del Volontariato, sede del gruppo.

Leggi l’articolo in versione integrale su Il Nuovo Torrazzo di sabato 2 febbraio