PISCINA COMUNALE – Sindaco: “Mancati lavori? Ecco come stanno le cose”

La piscina comunale vasca b

Torniamo a parlare di piscina comunale. La scorsa settimana Forza Italia ha pesantemente criticato il silenzio dell’amministrazione comunale, accusandola di “non essere in grado di far rispettare i contratti, così che Sport Management, la quale avrebbe dovuto realizzare entro novembre 2018 tutta una serie di lavori di rilevanza strategica, si appresta solo oggi, forse, a presentare dei progetti per tali lavori. Assordante qui il silenzio dell’amministrazione”.  Nei giorni scorsi la replica del sindaco rispetto alle dichiarazioni del consigliere di minoranza, Simone Beretta.

Riguardo alla mancata effettuazione di alcuni lavori previsti dalla convenzione che regola la gestione del centro natatorio comunale di via Indipendenza con la Sport Management, chi è al governo ha precisato che l’ufficio Patrimonio ha sempre tenuto monitorata l’esecuzione dei lavori. “Già a partire dal mese di giugno 2018 veniva richiesto alla società il cronoprogramma dei lavori relativi agli interventi da effettuare, e in data 1° agosto si sollecitava l’esecuzione delle opere previste, ricordando che in caso di mancato adempimento si sarebbe provveduto ad applicare le sanzioni previste dal contratto”, riporta la nota stampa. A seguito della comunicazione della mancata esecuzione degli interventi al solaio di copertura degli spogliatoi femminili a causa delle avverse condizioni climatiche e dopo di un incontro fra dirigente e funzionaria dell’Ufficio Patrimonio (il 9 gennaio scorso), s’è giunti oggi a un nuovo cronoprogramma per i lavori della piscina. Ecco i dettagli. Le opere previste alla prima scadenza sono state eseguite; in data 24 gennaio è stato ultimato il ripristino delle docce a servizio degli spogliatoi maschili e femminili; alcuni lavori previsti nel quinto anno (novembre 2020) di contratto sono stati già eseguiti.

Inoltre, è stato concordato che i progetti per le opere previste in esecuzione entro la fine del 2018 e ancora da realizzare andranno corredati da proposte di investimento con nuove opere per un ammontare che includa anche l’importo relativo all’applicazione di penali fino alla data presunta di fine lavori. Dunque, niente sanzioni, ma lavori aggiuntivi. 

“Rilevo la pessima abitudine di alcuni consiglieri di parlare sulla base di pettegolezzi di corridoio o chiacchiere da bar, anziché acquisendo informazioni e accedendo agli atti presso gli uffici direttamente interessati – commenta severa il sindaco, Stefania Bonaldi –. Il controllo sugli impegni contrattuali di Sport Management è compiutamente presidiato dal servizio Patrimonio, come evidenziato, quindi dice il falso chi afferma che non si sia controllato il rispetto della convenzione. Attendiamo i riscontri chiesti alla società e non applicheremo sconti sulle opere da eseguire, includendo anche l’importo delle penali previste”.