FESTA E PREGHIERA DIOCESANA DEGLI ORATORI

Festa degli oratori sabato 26 gennaio nella nostra diocesi. 

I ragazzi di diverse parrocchie si sono trovati al San Luigi per un pomeriggio di gioco e animazione, nel clima della GMG in corso a Panama con papa Francesco.

Il pomeriggio è terminato con la preghiera conclusiva in cattedrale guidata dal vescovo, sul tema: In oratorio… c’è posto per tutti.

Dopo la lettura del Vangelo del seminatore, il vescovo Daniele ha dialogato con i ragazzi. In particolare Samuel gli ha posto la domanda: In che modo l’oratorio può aiutarci ad essere un terreno buono?

Mons. Gianotti ha risposto parafrasando il Vangelo che parla di quattro tipologie di terreno: L’oratorio è la strada, “Se stiamo fuori non porta frutto.” 

L’oratorio è un terreno sassoso quando i ragazzi vanno solo a giocare, a divertirsi, in modo superficiale: non permettiamo all’oratorio di farci crescere. Bisogna invece andare ed accettare le proposte che fa.

Il terreno coi i rovi: è quando si va in oratorio da ragazzi con entusiasmo, poi, poco a poco, la voglia viene soffocata e si finisce per non andar più. Bisogna invece andare all’oratorio sempre e con impegno: ecco qui il terreno buono. 

Jacopo ha chiesto al vescovo: “Cosa Gesù aspetta da me in oratorio.” E il vescovo: “Cosa mi aspetto io se vado in oratorio? Che qualcuno mi accolga. Ricorda la regola d’oro di Gesù: ciò che volete gli uomini facciano a te, tu fallo loro. Se ti aspetti amicizia, donala! Quello che ti aspetti dagli altri, anche Gesù si aspetta da te. 

Si aspetta che diventiamo suoi amici. In oratorio dunque per creare una amicizia con Gesù!”

I diversi gruppi parrocchiali hanno poi portato l’insegna del proprio oratorio, le hanno deposte ai piedi dell’altare, prima di ricevere dal vescovo un’immagine in dono e la benedizione.