GIORNATA DELLA MEMORIA – Le cerimonie cittadine, coinvolti i ragazzi

“Siamo qui per commemorare, che innanzitutto vuol dire esprimere vicinanza e dolore per quei milioni di vittime innocenti, fra cui tantissimi giovani e ragazzi, anche della vostra età. Commemorare significa anche attualizzare quei fatti, a patto che non ci servano a delocalizzare, cioè a illuderci che basti commemorare per finire nella colonna dei buoni”. Queste le significative parole del sindaco Stefania Bonaldi, ieri mattina, nella cerimonia della “Giornata della memoria” di piazza Istria e Dalmazia, di fronte al monumento che ricorda le vittime dell’Olocausto, che proprio il nostro giornale aveva promosso qualche anno fa.

Presenti all’appello, i rappresentanti delle associazioni combattentistiche e d’arma, delle forze dell’ordine e i ragazzi della terza media della scuola “Giovanni Vailati”. Prima della deposizione della Corona d’alloro, in municipio, sala dei Ricevimenti, la visione del filmato realizzato dagli stessi alunni delle “Vailati”. Titolo “Voci della memoria”.

Articolo completo sul giornale di sabato.