MATERA: CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA

“Questa città è anche un simbolo del Mezzogiorno italiano che vuole innovare e crescere, sanando fratture e sollecitando iniziative. Matera è simbolo anche dei vari Sud d’Europa, così importanti per il Continente, perché nel Mediterraneo si giocheranno partite decisive per il suo destino e per quello del pianeta”. Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in occasione della cerimonia di inaugurazione di Matera capitale europea della cultura. Il capo dello Stato ha indicato in Matera “un esempio di quanto l’Europa debba alla preziosa originalità di luoghi così straordinari e ricchi di fascino”. “Di quanto la fatica e il genio di una comunità siano riusciti a produrre, e si coglie anche il legame con un cammino più grande, quello dei popoli europei, orientato da valori comuni; da una cultura che è sempre più feconda e che ha consentito a tutti noi europei di compiere passi decisivi verso la libertà, la pace, il benessere”. Il presidente ha poi ripercorso la storia della città dei Sassi che, “nell’immediato dopoguerra, teneva insieme la sua struggente bellezza e condizioni di estrema povertà”, ma la stessa Matera è “la realtà che l’Italia offre, oggi, all’Europa per mostrare come la propria storia, anche la più antica, possa aiutarci ad aprire le porte di un domani migliore”. “Dal programma di Matera, dalle sue iniziative, dall’ospitalità che darà ai tanti concittadini europei che la visiteranno, dal confronto che riuscirà ad animare, verrà una spinta allo sviluppo, una iniezione di futuro”, ha concluso Mattarella.