INAUGURATE LE DUE MOSTRE DI CONTI E BACCHETTA

La presentazione della mostra da parte del presidente del San Domenico Strada. Sotto il conservatore Facchi, presenta la mostra di Bacchetta allestita presso il Museo

Inaugurate, ieri pomeriggio, alle ore 16.30 presso la galleria Arteatro e alle ore 18 presso la pinacoteca del Museo, le due grandi mostre dedicate a Eugenuio Giuseppe Conti e ad Angelo Bacchetta, pittori cremaschi della seconda metà dell’Ottocento, proposte dalla Fondazione San Domenico.

Si tratta dell’esposizione Dai bozzetti agli spolveri agli affreschi. Percorsi d’arte del XIX secolo nel Cremasco, mostra che si articolerà su più sedi e che quest’anno, in sinergia con l’assessorato alla Cultura del Comune di Crema, sarà affiancata dalla proposta del Museo Civico Angelo Bacchetta: i disegni. La collezione del Museo.

La prima mostra è stata presentata dal presidente della Fondazione San Domenico Giuseppe Strada, la seconda dal conservatore del Museo Matteo Facchi, che ha curato la mostra stessa.

Per quanto riguarda la mostra Dai bozzetti agli spolveri agli affreschi, Strada ha è il fatto che, per la prima volta, queste opere preparatorie vengono presentate al pubblico, in quanto, per la maggior parte, sono capolavori appartenenti a collezioni private.

Fra queste anche quelle conservata in Palazzo Bonzi, sede del nostro settimanale. In due aperture straordinarie della storica sede di via Goldaniga, con visita guidata, si potranno ammirare i lavori di Eugenio Giuseppe Conti esposto negli uffici; sarà anche possibile ammirare l’ex cappella privata di palazzo Bonzi, il cui soffitto è stato affrescato dallo stesso Conti. Per scoprire gli spolveri de Il Nuovo Torrazzo calendarizzate due visite guidate per sabato 16 dicembre, ore 10.30 e per sabato 12 gennaio sempre alle ore 10.30.

Della mostra è stato stampato anche un catalogo di cui curatore è stato Cesare Alpini: “Il Cremasco – ha detto – tra fine Ottocento e inizio Novecento ha visto lavorare due artisti di pregevole merito, Conti e Bacchetta sono stati protagonisti e hanno dato una forma ‘nostra’ agli affreschi che hanno dipinto. A Crema hanno lavorato anche altri artisti minori, ma la mano di Conti e Bacchetta ha lasciato un segno più tipico”. Presente alla presentazione anche l’assessore alla Cultura Emanuela Nichetti.

La collaborazione tra Museo e Fondazione ha portato anche a organizzare un evento parallelo che va ad arricchire l’attrattività della mostra. Il Museo possiede un centinaio di opere dell’artista Angelo Bacchetta, fra cui una sessantina di disegni. La mostra, curata dal conservatore del Museo Matteo Facchi, è un’occasione per ammirare opere generalmente conservate nel nostro magazzino e sarà anche un’occasione per avviare uno studio più approfondito sull’opera di Bacchetta.

La mostra museale sarà visitabile nei consueti orari di apertura: martedì dalle ore 14 alle ore 17.30, da mercoledì a venerdì, dalle ore 10 alle ore 12 e dalle ore 14.30 alle ore 17.30; sabato e domenica dalle ore 10 alle ore 12 e dalle ore 15.30 alle ore 18.30. Diversi gli orari di visita della mostra presso la Fondazione San Domenico: da martedì a venerdì dalle ore 15 alle ore 18, sabato e domenica  dalle ore 10 alle ore 12 e dalle ore 15 alle ore 18.

La Fondazione ha anche organizzato eventi paralleli che valorizzano ulteriormente l’iniziativa: domenica 16 dicembre ore 16 Musica in mostraa cura dell’Istituto Musicale Folcioni; domenica 13 gennaio 2019, ore 10 Colazione in mostra, presso il Foyer del teatro, in compagnia del curatore prof. Cesare Alpini; sabato 19 gennaio, ore 17 Aperitivo in mostra, aperitivo con percorso guidato alle opere, a cura del prof. Vincenzo Cappelli (proposta ideata e organizzata in collaborazione con la Pro Loco Crema). Infine in occasione della chiusura, domenica 20 gennaio accompagnamento musicale a cura dell’ Istituto Musicale Folcioni.