CHIEVE – Una bella serata comunitaria

Bella serata “comunitaria”, lo scorso 11 novembre, a Chieve. L’appuntamento in sala polifunzionale, era con le borse di studio ‘Don Zambonelli’, i premi civici e ai lettori, e la consegna della Costituzione ai diciottenni. “Questa serata resta uno degli appuntamenti più emozionanti dell’anno, speriamo possa diventare una vera e propria tradizione. Durante l’evento tutta la comunità ha l’occasione di festeggiare ciò che ha di più prezioso, le persone!”, afferma la vicesindaco Margherita Brambilla. “Sono stati distribuiti, come detto, i premi al merito scolastico e all’interesse letterario, a chi ha raggiunto traguardi sportivi e lavorativi importanti e a chi ha saputo Trasformare i propri carismi in generosità in ambito sociale, civico e nel campo del volontariato. In ogni comunità ciò che fa la differenza è la comunità stessa, quando sa fare-stare insieme. L’amministrazione si complimenta con tutti”. Veniamo ai premi. Le borse di studio sono andate a Dario Patrini, Melissa Zaletti e Vittoria Ravasio per le Elementari; Aurora Bragonzi, Lavinia Vailati e Michael Xerra per le Medie; Alessia Fusar Poli per le laurea breve ed Eleonora Silvani per la “specialistica”. Il plauso delle autorità negli interventi di Lino Tosetti, Giorgio Merigo della Cassa Rurale dell’Adda e del Cremasco, e delle dirigente scolastica Paola Orini. Il sindaco Davide Bettinelli e la vice si sono complimentati a dovere. Queste, invece, le benemerenze civiche: Alfonso Alpini per i 50 anni di “camparo”, Mariuccia Fusarpoli per l’impegno civico e sociale, Riccardo Maria per il ballo da sala (successi nella disciplina a livello nazionale), Elena Bonizzi per i 20 anni della Scuola Danza Chieve, il Comitato San Martino per la cura della chiesetta, i gruppi di Fare Legami per quanto fanno per la comunità. Infine la consegna della Costituzione ai diciottenni e il premio ai super lettori Sophie Anzani, Anna Tacchini e Anna Furlan (quest’ultima tra gli adulti). La serata ha visto anche la presentazione del “bookcrossing”, nuova dinamica per “far girare” i libri in paese.