CREMA – “I giovedì della biblioteca”, presentazione di due libri

Giovedì 8 Novembre 2018 ore 21, continua la rassegna di incontri con autori del territorio.

Il prossimo appuntamento de “I Giovedì della biblioteca” vedrà la presenza di due scrittrici l’albanese Irma Kurti con il suo romanzo “Le pantofole della solitudine” (BESA Editrice) e la bergamasca Aurora Cantini che presenta la raccolta di poesie “Una tra i mille, Anita” (Siele Edizioni). Intervista e letture a cura di Mariangela Torrisi.

Delicata e vibrante allo stesso tempo, “Le pantofole della solitudine” è una raccolta di poesie che narra dell’animo umano, di legami impossibili da spezzare, di sentimenti e ricordi che danno forma e senso alle nostre vite. La prima parte del libro, intitolata “Il passato è un fantasma”, raccoglie una serie di componimenti giocati sul pi rouge della nostalgia, fra il dolore per il distacco dal paese d’origine e il desiderio di rifugiarsi in un luogo lontano dal caos della quotidianità. La seconda parte, invece, intitolata “In debito con l’amore”, è un viaggio nelle molteplici sfumature del sentimento che più di tutti sconvolge, in bilico fra gioia e tristezza, fra la magia di un istante e lacrime che il tempo non sa asciugare.

Durante la fuga da Roma nel luglio del 1849, Giuseppe Garibaldi lascia per qualche ora la moglie Anita, esausta per la gravidanza e febbricitante, in una delle tante cantoniere che a quel tempo potevano offrire alloggio ai viandanti lungo la Via Romea adriatica. Nell’attesa del marito, ecco dipanarsi una storia di coraggio e amicizia con Adalgisa, la vecchia sguattera emigrata ragazzina malata di tisi dalle montagne bergamasche della Valle Seriana, a cui Anita raccontala sua epopea dalla terra di Brasile, con le sue rivoluzioni e la sua povertà. La sensibile e attenta sollecitudine mostrata da Adalgisa commuovono talmente la giovane moglie di Garibaldi da chiedere a sua volta che le racconti la propria storia di bambina in filanda. Si intrecciano così i loro destini in una sofferta e commovente condivisione di speranza e dignità, insieme al piccolo trovatello Mariano, quasi coetaneo di Menotti, figlio di Anita. Nel romanzo vi è tutto un vivere per un sogno, un ideale di società migliore, un’attesa che ci sia luce in fondoall’arco cupo della Vita. Non possiamo passare su questa Terra solo come foglie portate dal vento, dobbiamolasciare un’impronta, dobbiamo crearci un Destino. Dobbiamo lasciare qualcosa di noi.

 

Irma Kurti è una poetessa, scrittrice, paroliera e giornalista italo – albanese. Sin da piccola ha scritto poesie. Al pubblico albanese è conosciuta anche come autrice dei testi di tante canzoni di successo, con cui ha partecipato a numerosi festival nazionali. Ha scritto circa cento testi di canzoni. Ha vinto numerosi premi e riconoscimenti letterari in Italia e nella Svizzera Italiana. Le è stato conferito il Premio Internazionale “Universum Donna” IX Edizione – 2013 per la Letteratura e la nomina a vita di “Ambasciatrice di Pace” dall’Università della Pace della Svizzera Italiana. Irma Kurti ha pubblicato sedici libri in lingua albanese, dieci in lingua italiana e tre in inglese. Collabora con varie testate giornalistiche albanesi.

 

Poetessa e narratrice di storie, Aurora Cantini vive a cavallo tra la Valle Seriana e la Valle Brembana, Orobie Bergamasche. Ha al suo attivo la pubblicazione di 4 sillogi di poesie: Fiori di campo (Edizioni Il Grappolo), Nel migrar dei giorni (Edizioni LaConca), Uno scrigno è l’amore (Circolo Culturale Identità Pontedera), Oltre la curva del tramonto (Lietocolle) e svariati romanzi:Lassù dove si toccava il cielo (EdizioniVilladiseriane), Come briciole sparse sul mondo (Aletti Editore), Un campo di stelle il mio riposo. Libretto in memoria di fra Pacifico da Amora (Edizioni Villadiseriane). Come una fiamma accesa. I quattro fratelli Carrara caduti nella grande guerra (Edizioni Villadiseriane) e il bambino con la valigia rossa (Silele Edizioni). Nel 2018 sono usciti i romanzi Una tra i Mille, Anita (Silele Edizioni) e Una voce dimenticata (Centro Studi Valle Imagna). Nel 2000 ha avuto il conferimento del titolo onorifico di “Cavaliere per la poesia” e la qualifica di “Poeta insigne” a Roma, redatto dall’Associazione Culturale “Lago Verde” Roma. Collabora con vari siti web di letteratura e del territorio. Ha ottenuto numerosi primi posti a concorsi letterari, molti interventi nelle scuole sul tema della poesia, con conferenze sulla Prima guerra mondiale e sulle Torri Gemelle. Fa parte dei comitati di giuria di vari concorsi letterari. Collabora da esterna con vari siti web di letteratura e del territorio.