PIERANICA – Il nuovo parroco don Pietro Lunghi accolto nell’Unità pastorale

Domenica di grande festa, la scorsa, per le quattro comunità di Pieranica, Quintano, Torlino Vimercati e Azzano, dove ha fatto il suo ingresso don Pietro Lunghi, proveniente da Casale Cremasco. Il vescovo Daniele l’ha inviato come nuovo parroco dell’Unità pastorale.
Il sacerdote è stato accolto nella piazza centrale del paese, piazza Fontana (chiusa al traffico per l’occasione), per una breve cerimonia civile. Nel suo discorso il sindaco Valter Raimondi, ribadendo che c’è la volontà di tutte e tre le amministrazioni comunali (presenti con sindaci e consiglieri) a collaborare per il bene del paese e il bene comune, s’è fatto interprete dei sentimenti di tutti nella gioia del “nuovo incontro”. “La cosa prioritaria è la fiducia, dobbiamo partire da questo e mi sembra che sia reciproca, dunque guardiamo con speranza al futuro”, ha detto a nome delle tre amministrazioni e quattro comunità. Infine, dal primo cittadino, l’invito a lavorare tutti insieme per obiettivi comuni.
Poi un breve corteo ha condotto tutti in chiesa per la prima Messa, alla presenza del Vescovo, del predecessore don Santino Costi e di don Piergiorgio Renzi, oggi cappellano a Crema Nuova-San Carlo-Mosi. Il quale ha introdotto il nuovo parroco, che ha preso possesso dell’Unità firmando i vari documenti. La lettura del decreto è stata affidata alla parrocchiana pieranichese Giusy De Simoni. Nella sua relazione ha di seguito chiarito al parroco la realtà delle tre parrocchie dal punto di vista della Fede e della vita quotidiana, compresa la situazione logistica. Soddisfatto anche il Vescovo, soprattutto per le riflessioni avanzate, con i laici che devono essere sempre più protagonisti anche della vita parrocchiale.
Don Lunghi nell’omelia ha salutato le amministrazioni e il nuovo popolo che è stato chiamato a guidare. Dopo la celebrazione il rinfresco sul sagrato della chiesa organizzato dall’oratorio; a seguire gli amministratori e i sindaci hanno pranzato insieme in un ristorante di Torlino. Presente anche padre Francesco Valdameri, missionario pieranichese, ora a casa, ma pronto a ripartire il 21 ottobre prossimo.
In questi giorni il sindaco Raimondi e don Lunghi hanno avuto i primi incontri organizzativi delle prossime iniziative. Sì, una nuova pagina di collaborazione ha preso il largo.