“CREMAUTISMO” – Importante incontro in Regione

In data 2 ottobre la rete di famiglie CremAutismo, rappresentata da Giovanna Barra e Beatrice Schacher, insieme al referente ASST dottoressa Gloria Mencatelli e Comunità Sociale Creamsca, rappresentata dal dottor Davide Vighi hanno partecipato presso la Regione Lombardia a un incontro precedentemente fissato con gli assessori Gallera e Bolognini indetto dai consiglieri cremaschi.

“Come ci si era riproposti ancora lo scorso gennaio nell’audizione alla Commissione Sanità, l’incontro aveva lo scopo di far partire l’idea progettuale che si concentra in modo particolare sul tema autismo e riguarda il “Progetto di vit” della persona afferente all’area dello spettro autistico, in conformità con quanto prevedono le leggi sulla disabilità”. L’idea progettuale fortemente voluta e sostenuta dalle famiglie ha visto l’interesse delle istituzioni territoriali per prima (ASST E CSC), le quali hanno collaborato al fine di presentare in Regione un nuovo modello di azione che prevede il benessere della persona al centro dei servizi (i bisogni intorno ai quali ruotano i servizi).

L’incontro ha avuto un riscontro positivo e la proposta dell’idea progettuale da condividere in ambito regionale è stata accolta favorevolmente in quanto si tratta comunque di un modello rispondente a quanto previsto dalle leggi che riguardano l’autismo e la disabilità, e a detta degli interlocutori, coincidente con quanto Regione Lombardia prevede di attuare in tale ambito. È stata inoltre apprezzata la sinergia del territorio nel lavoro in rete tra tutti i soggetti. Entro fine ottobre le famiglie attendono un riscontro per l’avvio di un percorso che sia strutturale e che dopo una prima fase sperimentale diventi finalmente parte di un sistema.