Ripalta Cremasca – “La musica dentro”, una mostra che si fa storia

Corrado Barbieri e uno scorcio dell'interessante mostra a Ripalta

Più che l’inaugurazione di una mostra, quella svoltasi a Ripalta Cremasca sabato 15 settembre, è stato un vero e proprio evento che ha reso omaggio alla musica. Tutta, nessun genere escluso. Questo ha permesso di riunire appassionati di generazioni diverse e di stili diversi. Esatto, perché negli spazi dell’ex banca, di fronte alla chiesa, all’interno dell’esposizione La musica dentro è possibile ammirare uno dei più grandi allestimenti di copertine di dischi, picture disk e sistemi per l’ascolto (come il mitico juke boxe) che hanno fatto la storia della musica.

Un’iniziativa davvero bella. Si spazia dagli anni del rockabilly, al rock’n roll, alla musica leggera italiana, al punk, al grunge, fino all’hard rock e all’heavy metal. Un viaggio, quindi, non solo nella musica, ma anche nella storia del ’900 narrata attraverso le note e i testi degli artisti. Un’opportunità per le nuove generazioni, specialmente per i giovanissimi che conoscono quasi solo la musica digitale, “liquida”, di ampliare la propria cultura musicale. Da qui l’invito alle scuole a portare gli studenti in visita alla mostra, che rimarrà aperta fino all’8 ottobre.

L’inaugurazione dell’allestimento si è svolta negli spazi concessi, gentilmente, da Fortunato Pandiani, proprietario del bellissimo parco adiacente l’ex banca. Gli ospiti hanno potuto assistere a una performance del dj Ezio Spoldi, gustando preziosi video – alcuni anche molto rari – selezionati da Gianluca Cremonesi. Il sindaco ripaltese Aries Bonazza ha portato il saluto dell’amministrazione comunale ai numerosi presenti, mentre Corrado Barbieri, anima e cuore di queste iniziative, ha illustrato il senso della mostra dal titolo La musica dentro. Perché, in fondo, è anche la musica che si ascolta che contribuisce a forgiare il proprio essere.

Barbieri ha voluto, in primis, ringraziare quanti collaborano, volontariamente, per la buona riuscita di queste manifestazioni, quali: Agostina, Sara, Mario, Ruggero e Francesco.

La mostra, ricordiamo, resterà aperta fino all’8 ottobre con i seguenti orari: sabato 16.30/18; domenica 10-12/16-18. Per visite scolastiche contattare Corrado al numero 347.7743970.