Tortelli e Tortelli: buoni sapori, tradizione e tanta gente

“Abbiamo lavorato bene, soprattutto la sera. Il caldo di questi giorni ha forse bloccato un po’ l’affluenza a mezzogiorno, ma siamo più che soddisfatti. Tana gente è venuta a trovarci e ha apprezzato servizio e menù”. Sono parole di Chicca Coroneo, ristoratrice e membro dello staff di “Tortelli e Tortelli”, manifestazione enogastronomica che dal 14 agosto a ieri sera 19 agosto ha attirato molti cremaschi in piazza Aldo Moro.

Organizzata dall’associazione ‘Le tavole cremasche’ con il patrocinio del Comune di Crema, dunque, la kermesse ha fatto di nuovo centro. Ricco e prelibato il menù con il “piatto principe” rappresentato naturalmente dai nostri tortelli dolci, preparati a mano per l’ultima giornata (il servizio, come detto, era disponibile sia a pranzo sia a cena, anche d’asporto). In mezzo alle portate anche altre specialità tipiche del territorio come la Spongarda e la Bertolina tra i dolci. Ma anche Salva con le tighe e diversi secondi piatti.

Ogni sera ottima musica: sabato e domenica hanno chiuso i concerti Pierino e i Tobaris e l’orchestra New Ecstasy. Durante la manifestazione non sono mancate proposte collaterali, come la presenza della maschera cremasca del Gagèt giovedì sera (grazie alla collaborazione del Comitato Gran Carnevale Cremasco) e un corner della Libreria Cremasca. Ieri alle ore 18.30 è stato qui presentato il libroTutti i segreti del tortello cremasco. Non c’è la zucca” di Isabella Radaelli ed Annalisa Andreini, mentre per tutti i giorni dell’evento è stata proposta “Crema illuminata”, ovvero visite guidate con le luci della sera tra chiese e palazzi del centro città. Al lavoro lo storico dell’arte e guida Gabriele Cavallini. Impegnata anche la Pro Loco. La tradizione piace, così come la città e anche la scelta dell’organizzazione di impiegare materiale ecocompatibile.