Assessore Bergamaschi: in piazza Garibaldi nessun concorso di idee

Il progetto degli architetti Scaramuzza e Zucchetti

Dopo la presentazione di un progetti di qualificazione di piazza Garibaldi, presentato il 14 agosto dagli architetti Scaramuzza e Zucchetti nel lor studio, prontamente arriva un comunicato dell’assessore ai lavori pubbici Fabio Bergamaschi.

Innanzitutto un apprezzamento al lavoro dei due architetti: “Com’è d’uso per questa Amministrazione – scrive Bergamaschi – un tavolo di confronto sarà aperto quanto prima e preliminarmente intendo ringraziare i professionisti per l’impegno profuso, segno di interesse e affetto per la nostra città. Avremo modo di approfondire personalmente alcuni suggerimenti ed intuizioni.”

Ma l’Amministrazione ha già fatto passi avanti e ha idee già chiare. “Tuttavia mi preme rimarcare – afferma infatti l’assessore – come l’Amministrazione, anche in seguito ad un avvenuto confronto sia con le categorie economiche e con i singoli operatori della piazza, ha già le idee molto chiare. Non vorrei che questa proposta e la nostra disponibilità ad una valutazione ingenerasse l’impressione che ci si trovi in una fase in cui ognuno, sebbene professionista stimato, possa avanzare un proprio progetto, rimettendo in discussione un percorso già ben avviato.”

L’amministrazione non ha indetto nessun concorso di idee, “perché riteniamo – continua bergmaschi – che su piazza Garibaldi si debba intervenire in modo elegantemente semplice e pulito ed esistono in tal senso competenze più che strutturate all’interno dell’ufficio tecnico comunale.”

L’idea del Comune è comunque quella di “pedonalizzare completamente la parte interna della piazza.”

“Logica – conclude l’Assessore – che non pare puntualmente interpretata dai proponenti, ma verificheremo personalmente con i professionisti, unitamente agli altri spunti”.