SCRP – Verso la società “In House”, voto unanime dei sindaci

Una riunione dei sindaci in Scrp

L’assemblea di Scrp, riunita ieri, ha votato all’unanimità (presenti 33 soci, corrispondenti all’83,83% del capitale sociale) il testo con cui i sindaci invitano il CdA della società a portare a termine le operazioni che porteranno alla società “In House”, proseguendo nei prossimi mesi l’opera di dismissione delle attività industriali e completando il lavoro avviato da alcuni anni (ramo idrico con conferimento in Padania Acque SpA, cessione dell’Impianto di Biofor).

Il tutto assicurando contemporaneamente la continuità dei servizi svolti in nome e per conto dei sindaci (canile, impianti fotovoltaici, realizzazione della nuova caserma dei Vigili del Fuoco, Centrale unica di committenza per gare pubbliche, gestione aggregata delle funzioni comunali, servizi informatici ai Comuni, attivazione varchi elettronici sovraccomunali, ecc.). Il Cda è chiamato ad ampliare tale attività attuando un progetto di società in house, coerente con tali compiti di sostegno diretto al territorio, ai sindaci e ai cittadini.