PIERANICA – Nuova scuola, è già polemica

Valter Raimondi
Il sindaco di Pieranica Valter Raimondi

S’è parlato anche della nuova scuola primaria nell’ultimo Consiglio comunale di Pieranica, ciò a seguito della recente assegnazione dei fondi regionali.
La minoranza di Pieranica Nuova – ai ferri corti con l’amministrazione – ha presentato un’interrogazione con quattro quesiti in merito all’opera, domande cui ha risposto il sindaco Valter Raimondi. L’opposizione, in ogni caso, ha abbandonato l’aula per protesta nei confronti della modalità di replica (non scritta) del primo cittadino. Potrebbe anche non ripresentarsi più nelle sedute future.

Innanzitutto il consigliere di minoranza Angelo Luppo ha chiesto come e dove il sindaco pensi di reperire i 600.000 euro previsti per la realizzazione. “Attraverso un mutuo a tasso fisso di 570.000 euro, perché tale è la cifra a nostro carico per la costruzione. La durata del prestito sarà di 20 o 30 anni a seconda della convenienza economica del momento”, ha precisato Raimondi.

Chi è all’opposizione, per importi tali, ha chiesto lumi sul piano di ammortamento e l’analisi delle spese anche rispetto ai Bilanci futuri del Comune.

“Gli studi e le analisi quindi sono state fatte e pertanto il Bilancio è nelle condizioni di assoluto equilibrio, in grado di sostenere gli anni di ammortamento”, ha concluso Raimondi.

Interessante il terzo quesito, ovvero se fosse stato eseguito “uno studio sul tasso di natalità del paese negli ultimi anni in correlazione a quanti bambini di Pieranica usufruiranno della nuova scuola?”. Il tasso di natalità – come ha spiegato sempre Raimondi – è pari a 8 bambini all’anno. “L’obiettivo dell’amministrazione – ha aggiunto – è quello di creare un plesso scolastico anche per i Comuni limitrofi per poter mantenere una centralità del Comune nel territorio. Inoltre verranno create strutture quali la palestra, l’Aula Magna, il refettorio, che potranno essere utilizzate anche dai cittadini”.

Articolo completo su Il Nuovo Torrazzo di sabato 14 luglio 2018