Medie Galmozzi: gli alunni diventano scrittori!

Diciotto classi tra prime, seconde e terze dell’Istituto comprensivo Nelson Mandela, scuola secondaria di I grado “A. Galmozzi” nel primo quadrimestre dell’anno scolastico in corso hanno preso parte a un progetto  di scrittura creativa che, insieme alle insegnanti di Lettere, prevedeva un ciclo di incontri con l’editore Simone Draghetti della casa editrice Linee Infinite Edizioni di Lodi e come obiettivo finale aveva la realizzazione di un racconto (singolo o a gruppi di due o tre persone) da cui è  nato il bel libro Le mille e una storia per le classi prime, Leggimi per le seconde e Noi e i libri (racconti di giovani autori) per le terze. Un progetto che ha sicuramente  stimolato la fantasia di ragazzini appartenenti a una generazione già di per sé sveglia e iper stimolata… non a caso, come ha sottolineato Draghetti durante la presentazione pubblica nel plesso di Curtatone e Montanara “Appena sono entrato in classe la prima domanda è  stata: ‘Ma quanto ci guadagnamo da questo libro!?’. I ragazzi, a parte gli scherzi, hanno accolto con molto entusiasmo questo progetto… hanno dimostrato  di avere per la stragrande maggioranza idee molto chiare! Ho sconsigliato il giallo perché a parer mio non è un genere semplice e invece in molti l’hanno affrontato. Io e le insegnanti abbiamo dato gli input ma ciò che è racchiuso nel libro è farina del loro sacco… idee buttate giù  un po’  in classe e un po’ nel tempo libero a casa. Mi sento di dire che non sono solamente io ad aver dato qualcosa a loro ma hanno dato molto anche loro a me durante gli incontri. E una piacevole sorpresa sono state le classi prime, fucina di qualche vero e proprio talento in erba”.
I ragazzi delle classi prime  davanti a insegnanti, genitori e a un soddisfatto dirigente scolastico Paolo Carbone hanno illustrato il loro primo capolavoro. “Qualche copia è  già  stata venduta alla Mondadori” ha annunciato Draghetti… è  scattato spontaneo l’applauso e tra i piccoli autori c’era già  qualcuno pronto  a firmare le copie!
Una bellissima  esperienza che conferma ancora una volta la vivacità  dell’Istituto Galmozzi.