Offanengo: Sberino d’oro 2018, una grande ritorno!

Dopo tre anni di ‘forzata’ sospensione sabato 5 e domenica 6 maggio è tornata la gara canora di Offanengo dove da quasi 60 anni va in scena lo Sberino d’oro. Sul palco del teatro dell’oratorio si sono ‘sfidati’ in simpatica tenzone 26 solisti (tra i quali anche bimbi di 3 e 4 anni) che hanno interpretato le canzoni dell’ultimo Zecchino d’oro. Due le giurie in campo per decretare la canzone più bella: una ‘segreta’ che ha lavorato sabato e una ufficiale con tanto di palette, intervenuta domenica sera. È risultata vincitrice la canzone che aveva vinto anche l’edizione 2017 dello Zecchino: Una parola magica, cantata dalla brava Gaia Ferrari di 9 anni. A tutti gli interpreti, anche ai coristi – affiancati per la prima volta da adulti, ‘cantori’, dello Sberino di anni fa – è andato lo stesso premio, fra cui anche una medaglia dedicata che è piaciuta moltissimo!

L’organizzatrice di sempre, l’eclettica e vulcanica Luisa Milanesi, ha organizzato due serate bellissime, tanto partecipate e apprezzate anche dal curato don Francsco che “non si aspettava un evento così fantastico”.

Sabato è intervenuto anche un ospite speciale, il musicista e cantante Ricky Anelli, mentre domenica è andata in scena la sempre apprezzata esibizione delle ballerine della scuola di danza ‘Scarpetta celeste’, guidata da Elena Bonizzi. La gara è stata presentata da Osvaldo Negri mentre ogni canzone ha potuto contare sull’accompagnamento musicale del gruppo I Tananai formato da Gabriele Ghiozzi alle tastiere, Gabriele Rossoni alla batteria, Francesco Patrini e Samuele Rossoni alle due chitarre, Andrea Ramella al basso, Daniele Rossoni e Matteo Gatti alle trombe. Diretore del gruppo Andrea Maggiori (anche direttore della banda San Lorenzo di Offanengo).

Tanti applausi e tanta gioia tra il pubblico e i partecipati per due serate riuscite benissimo e davvero speciali. Appuntamento alla prossima edizione!