Soncino – Alessandro Fiori, morte causata da un colpo alla testa; esclusa ipotesi malore

Potrebbe essere morto a causa della profonda ferita alla testa Alessandro Fiori, manager 33enne di Soncino trovato Cadavere la notte del 28 marzo in riva al Bosforo a Istanbul. Si tratta del primo esito dell’autopsia condotta in Italia dall’Istituto di Medicina Legale di Milano. Sarebbe stata scartata quindi definitivamente l’ipotesi che a provocare la morte del Cremasco possa essere stato un malore, un secondo malore dopo quello che aveva portato in ospedale Alessandro Fiori nella giornata del 15 marzo.

Resta da capire come il 33enne abbia rimediato quella profonda ferita alla nuca. Un fendente sferrato con un corpo contundente con efferata violenza oppure un colpo preso durante una rovinosa caduta. Sono tanti i misteri che aleggiano sulla morte del soncinese arrivato nella città turca il 12 marzo per sparire nel nulla dopo 3 giorni. Di lui nessuno ha più avuto notizie sino al giorno del macabro ritrovamento.

I medici legali milanesi hanno preso contatto con i colleghi turchi che avevano effettuato un primo esame autoptico. Gli accertamenti proseguiranno per stabilire le esatte cause e l’origine della lesione.