Vaiano – Super furto di cosmetici, ma la banda di predoni ‘perde olio’ e resta a piedi

I Carabinieri della stazione di Bagnolo con il carico di cosmetici rubati recuperato lunedì

Volevano fare il botto e, in un certo senso lo hanno fatto. Ladri di cosmetici hanno caricato oltre misure di refurtiva il mezzo con il quale erano giunti a Vaiano prendendo di mira una ditta del posto. Il peso ha però provocato l’urto della coppa dell’olio contro un cuneo posizionato a terra e quindi l’impossibilità di continuare il viaggio con la refurtiva che grazie ad indagini lampo è stata recuperata dai Carabinieri e riconsegnata al legittimo proprietario. Si tratta di un ingente quantitativo di cosmetici, 33 mila pezzi tra rossetti, lucidalabbra, mascara e fondo tinta delle più famose marche in commercio, che immessi sul mercato avrebbero fruttato oltre mezzo milione di euro.

Tutto è accaduto tra la notte del 18 e la mattinata del 19 marzo. I malfattori, giunti a Vaiano con un furgone, erano riusciti a introdursi nell’azienda. Avevano pensato di far scattare l’allarme e di nascondersi molto bene al fine di evitare i controlli che sarebbero arrivati in pochi istanti, e così è stato. “Disattivato l’allarme – spiega il maggiore dellArma, Giancarlo Carraro – hanno agito indisturbati, caricando sul furgone, nascosto poco distante, tre bancali di cosmetici. La sorte e l’ingordigia però gli sono state contrarie, poiché nell’uscire dalla ditta, forse a causa del carico troppo pesante, hanno colliso con la parte sottostante del mezzo contro un cuneo che gli ha provocato la rottura della coppa dell’olio tanto da rendere inutilizzabile il veicolo dopo poche centinaia di metri. I malfattori, non si davano però per vinti e nascondendo in una via poco trafficata il furgone, chiedendo, nel corso della mattinata, l’intervento di un autosoccorso”.

Nel frattempo i Carabinieri, chiamati dal titolare dell’azienda che al mattino si era accorto del colpo subito, avevano avviato le indagini riuscendo a vedere dalle immagini del sistema di videosorveglianza della ditta la presenza del mezzo e soprattutto la collisione con tanto di olio lasciato a terra. Particolari che hanno messo in moto le indagini portando i Cc a contattare tutti gli autosoccorso del territorio. “L’intuizione era giusta – continua Carraro – tant’è che nel pomeriggio di ieri un autosoccorso stradale di Lodi comunicava di aver recuperato un mezzo con la coppa dell’olio rotta nei pressi di Bagnolo. Il veicolo era ancora in custodia e una volta aperto, si rinveniva tutta la refurtiva che veniva riconosciuta e restituita al titolare che ringraziava”.

Le indagini consentivano inoltre ai militari di identificare il proprietario del mezzo e il possessore. Si tratta di due stranieri di origine romena residenti in provincia di Bergamo deferiti a piede libero per furto aggravato in concorso.