BOLOGNA – Protagonista ancora il Polo della Cosmesi di Crema al Cosmopack

Il sindaco di crema Stefania Bonaldi e il consigliere regionale Federico Lena (ultimi a destra, in visita allo spazio del Polo della cosmesi a Cosmoprof

Si è da poco conclusa con grande successo la 51a edizione di Cosmoprof Worldwide Bologna, l’osservatorio internazionale sulle ultime tendenze dell’industria beauty organizzato da BolognaFiere Cosmoprof.
Sono stati 2.822 gli espositori presenti, il 3% in più rispetto al 2017, provenienti da 70 paesi; complessivamente la manifestazione è cresciuta del 7,5%, a conferma del ruolo di Cosmoprof di evento leader di un network globale che porta nel mondo l’eccellenza del settore. Cresciuti tutti i settori della manifestazione. Cosmopack ha registrato un +6%, con 464 espositori da 31 paesi.
Protagonista ancora una volta il Polo della Cosmesi di Crema al Cosmopack, l’evento B2B che coinvolge l’intera filiera del settore beauty con soluzioni e tecnologie innovative per l’industria cosmetica: 40 le aziende partecipanti e 2.000 metri quadri di area espositiva.
Ormai diventato un appuntamento imperdibile di Cosmopack e un ambito riconoscimento per le aziende che vi partecipano, gli Awards 2018, curato in partnership con Beautystreams. Tra le nostre aziende finaliste dei Cosmopack Awards, per la categoria make-up packaging technology, vince Omnicos Group con il suo “Bye bye brush”.
“In Omnicos siamo stati molto soddisfatti dei risultati ottenuti in fiera; abbiamo incontrato moltissimi clienti. Inoltre, siamo molto contenti – dichiara Domenico Cicchetti Ceo dell’azienda di Vaiano Cremasco – perché abbiamo vinto il premio ‘Cosmopack Awards’ nella categoria make-up packaging technology con Bye bye brush; un applicatore di ombretti pronto all’uso: pratico, ricaricabile e ad alte prestazioni. Dopo il premio Innovazione vinto nel 2016 a Parigi e gli Awards a Bologna quest’anno, è la conferma che i grossi investimenti verso la ricerca e l’innovazione stanno dando ottimi risultati.”
“La partecipazione al Cosmopack di Bologna è andata molto bene, ben oltre le nostre aspettative; le aziende tutte molto soddisfatte per i numerosissimi incontri svolti con nomi davvero molto importanti; una grande soddisfazione per noi vista la presenza di un nostro spazio ben definito e dedicato, la Collettiva Polo” osserva il presidente Matteo Moretti.
Quest’anno una particolare attenzione anche dalle istituzioni; le aziende del Polo della Cosmesi hanno infatti ricevuto la visita del leader del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio, del consigliere regionale Federico Lena e del sindaco di Crema Stefania Bonaldi.
“Sono particolarmente soddisfatto della visita presso lo stand collettivo del Polo della Cosmesi di Crema, dove ho potuto toccare con mano una realtà molto importante del comparto produttivo del territorio”, dichiara Federico Lena, riconfermato il 4 marzo scorso consigliere regionale lombardo. “Mi ha colpito molto la capacità di fare sistema, alla base del lavoro del Polo che, con lo stand collettivo e con iniziative mirate, sostiene anche le imprese più piccole della filiera.”
“Con il presidente Matteo Moretti – aggiunge – mi sono soffermato su riflessioni che riguardano il mercato cosmetico, la necessità di tutela dei prodotti Made in Italy e il futuro della università di Crema, che potrebbe essere legato al settore che è trainante per l’economia del territorio cremasco e che garantisce lavoro a migliaia di famiglie. Non conoscevo alcune delle aziende che ho visitato ed è stata l’occasione per presentarmi e presentare le iniziative che Regione Lombardia ha sviluppato e svilupperà per le imprese e per concordare iniziative per stringere un legame più forte e concreto tra Polo della Cosmesi e la Regione.”
“Cosmoprof è l’occasione di farsi conoscere in un contesto globale. Basta girare gli stand – sottolinea il sindaco di Crema Stefania Bonaldi – per capire che di anno in anno il settore cresce e questo dà l’opportunità anche alle aziende del territorio di stringere relazioni e trasformare i contatti in contratti. Ho visto con grande soddisfazione e orgoglio come in questi anni il Polo della Cosmesi è diventato un brand riconosciuto: la sua capacità di fare massa critica e dare un’immagine coesa ha indubbie ricadute positive sul territorio.”
“Nei prossimi anni, lo sappiamo, bisognerà arrivare al cluster, che connette la produzione con la ricerca e sviluppo e aggancia in modo significativo la formazione. Non a caso uno dei temi più importanti degli ultimi tempi sulla mia scrivania di sindaco, ma anche per tutti gli altri enti territoriali, è la possibilità di costituire una laurea professionalizzante spendibile nell’ambito dell’industria della cosmesi.”