Crema – Associazione Ipazia: il “numero d’oro”, l’incontro di venerdì 16

Non solo arte, letteratura, musica, teatro… la cultura è anche scienza: venerdì scorso, 16 febbraio, sala Pietro da Cemmo del Museo civico di Crema e del Cremasco, ha accolto un numerosissimo pubblico accordo all’appuntamento organizzato dall’associazione Spazia, dal titolo Il numero d’oro: viaggio teorico e sperimentale alla ricerca della proporzione misteriosa che governa l’universo; relatrice Sonia Natale, ricercatrice del Cern di Ginevra.

Tanti gli insegnanti presenti, ma anche ragazzi e bambini: un pubblico variegato interessato a scoprire i misteri del numero 1,618… che è strettamente legato anche alla successione di Fibonacci. Natale si è soffermata sui vari ambiti in cui il “numero d’oro” trova riscontro: dalla fisiognomica umana, alla forma di una conchiglia o addirittura di una galassia. E che dire del piccolo mulinello che l’acqua compie prima di finire nello scarico della vasca? Quali le ragioni di questa strana coincidenza alla quale anche i grandi artisti della storia si sono rifatti. La relatrice non ha dato una spiegazione ponendo piuttosto ulteriori quesiti: è il caso? C’è una spiegazione? Curiosa anche la distribuzione dei pianeti nel nostro sistema solare che sembra richiamare palesemente la successione di Fibonacci… Tanti i questi e forte l’interesse e l’attenzione per tutta la durata dell’incontro anche quando la ricercatrice si è soffermata, avvalendosi sempre di slide, sull’attività della Stazione Spaziale in orbita attorno alla terra. Ancora una volta l’associazione Ipazia ha destato l’interesse della comunità scientifica, e non solo, cremasca.