CREMA – Presidio Libera Cremasco: verso la giornata per le vittime innocenti delle mafie

Margherita Tedoldi, Mimma Benelli, Niccolò Bassi, Graziella Della Giovanna ed Emanuela Nichetti

Il presidio di Libera Cremasco s’appresta a celebrare – il 21 marzo prossimo – la XXIII “Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie”.
Per il terzo anno, ha spiegato il presidente Niccolò Bassi, in collaborazione con l’amministrazione comunale cittadina, il Comitato di promozione dei principi della Costituzione e i Soci Coop di zona, sono stati programmati tre eventi in preparazione alla Giornata nazionale.
Il primo, mercoledì 28 febbraio alle ore 20.30, in sala Cremonesi al Sant’Agostino: incontro con il magistrato Giuseppe Gennari, che presentando il libro “Le fondamenta della città”, parlerà della ’Ndrangheta al Nord.
Il 9 marzo, invece, alle 19 presso l’Arci Ombriano, Stefano Prandini presenterà “Le Mafie all’ombra del Torrazzo”, un lungo lavoro di ricerca svolto insieme ad Antonietta Sarzi e Giuseppe Marconi e pubblicato da ArciBassa; con, a seguire, Cena Antimafia con prodotti di Libera Terra.
Evento clou sarà lo spettacolo “Mafie Maschere e Cornuti”, di e con Giulio Cavalli, che andrà in scena venerdì 16 marzo, alle 21, al teatro San Domenico: una “giullarata antimafiosa”, il sottotitolo, perché “ridere di mafia è un antiraket culturale”, è spiegato in testa al manifesto.
I biglietti – al prezzo di 10 euro – si possono acquistare all’ingresso o, per essere più sicuri di avere il posto, in pre vendita presso la Pro Loco e la Coop al Gran Rondò. Il ricavato, ha spiegato Niccolò Bassi, verrà in parte devoluto al Comitato di promozione dei principi della Costituzione per l’acquisto di copie della Carta costituzionale da regalare ai neo diciottenni in occasione della festa della Repubblica il prossimo 2 giugno e in parte all’attuazione di progetti per i giovani.
“Lo stesso spettacolo – ha fatto poi osservare Margherita Tedoldi, volontaria e responsabile delle attività per le scuole di Libera Cremasco – il mattino del 16 marzo sarà rappresentato per gli studenti degli istituti superiori cittadini e gli alunni delle medie di Offanengo e Pandino.”
“Per loro – ha sottolineato – sarà un’occasione per conoscere in modo leggero ma efficace cos’è la mafia.”
Soddisfazione per la proficua collaborazione con il locale presidio di Libera sia da parte del Comitato di promozione dei principi della Costituzione sia di quello dei Soci Coop è stata poi espressa rispettivamente dalla presidente Graziella Della Giovanna e dalla referente Mimma Benelli. Entrambi hanno evidenziato la comunanza di obiettivi: essendo l’attività del primo mirata a far conoscere la Costituzione, in particolare ai giovani attraverso incontri nelle scuole, che ha tra i suoi principi fondamentali la legalità; il secondo occupandosi di cittadinanza attiva e avendo cooperato alla fondazione del presidio stesso.
Adesione convinta alle iniziative preparatorie e alla Giornata in ricordo delle vittime innocenti delle mafie da parte dell’amministrazione comunale è stata confermata dall’assessore alla Cultura Emanuela Nichetti. La quale ha tenuto a sottolineare “il grande valore aggiunto di queste collaborazioni tra realtà cittadine impegnate nell’attuazione di proposte molto importanti su temi fondamentali per la convivenza civile e la formazione dei giovani in particolare”.