Diocesi – Vita Consacrata: Messa in San Giacomo presieduta dal vescovo Monari

Il vescovo Luciano Monari presiede la celebrazione. Nel riquadro, le religiose presenti

Oggi, quaranta giorni dopo il Natale, nella festa della Presentazione di Gesù al tempio – detta tradizionalmente “candelora” – la Chiesa celebra la Giornata mondiale per la Vita Consacrata.

A Crema i sacerdoti, le consacrate, i consacrati e i laici che vivono un particolare carisma si sono ritrovati quest’anno nella chiesa di San Giacomo per vivere un momento di preghiera e condivisione, iniziato con la recita dei Vespri. A seguire, la liturgia della Luce nel cortile dell’oratorio e la benedizione delle candele, quindi la processione con le candele accese all’interno della parrocchiale.

La santa Messa, in assenza del vescovo Daniele impegnato nella visita alla missione in Uruguay, è stata presieduta da monsignor Luciano Monari, vescovo emerito di Brescia. Con lui sull’altare diversi sacerdoti cremaschi, tra i quali il delegato vescovile per la Vita Consacrata don Mario Botti.

Da monsignor Monari sono arrivate, nell’omelia, parole che hanno posto in evidenza il significato della festa odierna e l’importante ruolo dei consacrati e delle consacrate a servizio della Chiesa e della società.

La celebrazione ha inoltre offerto l’occasione per ricordare suor Pierina Andreoli, suor Maria Pia Doneda e suor Caterina Vailati dell’Istituto delle Suore del Buon Pastore nel 60° di Professione religiosa.

Al termine della Messa, nel salone dell’oratorio si è svolta una cena in fraternità per le persone consacrate.