Crema – Città più sicura: Polizia in azione tra espulsioni e deferimenti

A seguito dei recenti episodi criminosi, che hanno portato al fermo ed  alla successiva custodia in carcere di una persona responsabile di uno scippo in città, prosegue senza sosta l’attività degli investigatori della Polizia di Stato del Commissariato di Crema che, per identificare i suoi complici, stanno scandagliando tutti gli ambienti frequentati da soggetti pericolosi o comunque sospetti per le proprie abitudini di vita e per i precedenti penali e di polizia. È in questo ambito che si inserisce l’espulsione di un cittadino marocchino gravato da diversi precedenti per reati contro il patrimonio e concernenti gli stupefacenti. Straniero finito anche in carcere a Cremona del quale era stata anche respinta dall’apposita commissione la domanda per il riconoscimento della protezione internazionale. Ieri mattina la Polizia ha bussato alla porta della casa in cui viveva in città prelevandolo e portandolo all’ufficio immigrazione per la definizione del provvedimento di espulsione con accompagnamento alla frontiera disposto dalla Questura.
“Anche questo provvedimento – spiega il dirigente del Commissariato di Crema, Daniel Segre – si innesta nel contesto di un’intensa attività preventiva disposta dal Questore di Cremona, che persegue l’obiettivo dell’allontanamento dal territorio nazionale di tutti i soggetti pericolosi e sprovvisti di titolo per la permanenza in Italia che vengono rintracciati in ambito provinciale”.

Controlli intensificati da parte della Polizia e costante attenzione sulle indagini tanto che è arrivato l’ennesimo bel risultato che infonde sicurezza. È stato identificato lo scippatore che agì a settembre nel quartiere cittadino di San Carlo strappando la tracolla a una 83enne che si stava recando a messa. Si tratterebbe di un giovane cremasco che sarebbe stato deferito.