Crema – Il dottor De Grazia lascia l’Ospedale Maggiore. Sarà responsabile di Endoscopia Digestiva al ‘San Matteo’ di Pavia

Il Policlinico 'San Matteo' di Pavia e, nel riquadro, il dottor Federico De Grazia

Da giovedì 1° febbraio il dottor Federico De Grazia assumerà il prestigioso incarico di responsabile dell’Endoscopia Digestiva della Fondazione Policlinico Universitario San Matteo di Pavia, Ente di rilievo nazionale e internazionale di natura pubblica, caratterizzato per l’offerta di prestazioni di ricovero e cura di alta specialità e per la forte vocazione all’integrazione di ricerca scientifica, assistenza e didattica. Per il medico cremasco un salto professionale notevole – quanto meritato – e, di riflesso, una perdita per l’Ospedale Maggiore di Crema che, pur gratificato dalla scelta del San Matteo, vede partire un chirurgo endoscopista e un gastroenterologo tra i più preparati.

“È per me un dispiacere enorme lasciare Crema: sono nato qui, i miei figli sono nati qui; ho un rapporto importante con la città e con l’ospedale… Ma penso anche che sia giusto inseguire i propri sogni e avere l’opportunità di realizzare qualcosa di importante”, afferma il dottor De Grazia. Che sottolinea subito il suo profondo legame con l’Ospedale Maggiore: “Sono figlio di un’infermiera, Adele Brezzolari, che purtroppo ci ha già lasciati… Fin da piccolo ho ‘bazzicato’ le corsie dell’ospedale, poi vi sono entrato dal primo anno di università come studente e come volontario. Sono stato assunto 25 anni fa, ma posso dire che ‘vivo’ l’Ospedale Maggiore da circa 35 anni”.

Il dottor De Grazia “nasce” come chirurgo. “Nella mia prima sala operatoria – ricorda – ho affiancato il professor Franco Colombo, poi negli anni ho avuto l’onore di lavorare con tutti i primari chirurghi: il professor Martinotti, quindi i dottori Papa, Brown, Gaiti e l’attuale direttore dottor Pisano. Da loro e da tutti i colleghi ho imparato qualcosa”.

Crescita professionale e rapporti umani sono andati di pari passo, anche nell’ambito della Gastroenterologia-Endoscopia. “In questa realtà – rileva De Grazia – tantissimo mi ha dato il dottor Sandro Zambelli, così come il dottor Guido Lupinacci che è al mio fianco da una trentina di anni. A Crema ho ‘vissuto’ l’Endoscopia dalla fine degli anni ’80: una specialità che è cresciuta tantissimo e che oggi offre ai pazienti servizi diagnostici e di cura d’assoluta rilevanza, anche in ambito chirurgico”.

In questi giorni il dottor De Grazia sta ricevendo “attestati di stima e di amicizia commoventi”, a rimarcare il rapporto che s’è creato in tanti anni di lavoro a Crema. “Dico grazie a tutti – afferma – ma soprattutto desidero ringraziare gli infermieri e le infermiere con cui ho avuto il privilegio di lavorare: di loro si parla sempre poco, ma svolgono un ruolo fondamentale. Sentirò la loro mancanza…”.

Ora, dal 1° febbraio, un nuovo inizio al San Matteo di Pavia. “Sarò responsabile dell’Endoscopia Digestiva – fa sapere il dottor De Grazia – struttura che dispone di 7 medici, 10 infermiere e 4 operatori di supporto. Ci sono 4 sale endoscopiche dotate di strumentazioni al top, con annessa la Divisione di Radiologia Interventistica. Una realtà con potenzialità enormi, anche per una futura Endoscopia Oncologica”.

Al dottor De Grazia gli auguri di tutti!