REGIONE – Oltre 700.000 euro per l’aggregazione giovanile svolta negli oratori lombardi

L'assessore regionale a Sport e Politiche giovanili, Antonio Rossi

Regione Lombardia ha stanziato oltre 700 mila euro per l’aggregazione giovanile.
“La presenza di quasi mezzo milione di ragazzi che frequentano i 2.300 oratori lombardi – ha spiegato l’assessore regionale allo Sport e Politiche per i giovani, Antonio Rossi – rappresenta una ricchezza inestimabile per il nostro territorio. Gli oratori sono centri di aggregazione sani, educativi e sicuri che devono essere valorizzati e sostenuti. Per questo la Giunta ha stanziato oltre 700 mila euro per permettere a questi luoghi di aggregazione di andare avanti con le proprie attività, realizzando progetti utili ai giovani.”
In totale sono 729.188 euro, di cui 550 mila messi dalla Regione in aggiunta ai 179.188 del Fondo nazionale per le politiche giovanili.
“L’Intesa tra Governo, Regioni e altri enti per l’assegnazione del fondo nazionale per le politiche giovanili – ha sottolineato – ha previsto che le Regioni approvino una proposta progettuale che preveda attività su alcune tematiche senza particolari vincoli in specifici settori, fermo restando il rispetto della normativa regionale in materia di politiche giovanili. Pertanto, Regione Lombardia, anche per non disperdere quanto sino ad ora ottenuto nelle iniziative progettuali delle ultime annualità, intende sostenere quelle mirate alla diffusione di forme aggregative fra giovani e di apprendimento esperienziale per gli stessi, considerato che le attività che promuovono l’aggregazione costituiscono anche un valido strumento per la prevenzione del disagio e che tali azioni sono di per sé un supporto educativo per la vita quotidiana dei giovani..”
“Con questo atto, che si inserisce nel filone delle esperienze già avviate con la Regione Ecclesiastica Lombarda – ha rimarcato l’assessore – Regione Lombardia provvederà a inserire negli oratori circa 210 giovani.”
Il progetto si svolgerà dal 1° giugno 2018 al 31 agosto 2019 partendo dalla selezione dei giovani da coinvolgere, quindi attuando le iniziative previste prima a livello formativo e poi negli oratori lombardi.
“Si tratta di un nuovo progetto – ha concluso Rossi – che mette in collaborazione sempre più stretta l’assessorato allo Sport e alle Politiche per i giovani, la Regione Ecclesiastica Lombarda, le diocesi e gli oratori, il tutto facendo sistema tra vari soggetti a favore della crescita dei nostri giovani che frequentano i diversi oratori.”
Destinatari del progetto sono giovani di età compresa tra i 20 e i 30 anni in possesso di diploma di scuola secondaria superiore.
Il budget di partenza è di 729.188 euro, la Regione Ecclesiastica Lombarda potrà contribuire con addizionalità di risorse proprie al potenziamento del progetto, incrementando il numero dei giovani chiamati a oggi a realizzare forme di aggregazione presso gli oratori, frequentati da circa 412.885 giovani su un totale di 2.902.856 residenti in Lombardia.
Negli oratori lombardi prestano, allo stato attuale, attività di animazione circa 179.338 educatori e volontari laici, con un’età compresa fra 20 e 30 anni. Il supporto dei giovani animatori è concentrato nel 93% dei casi in attività di formazione, studio, sport e tempo libero e il 91% degli oratori lombardi propone anche l’attività oratoriale estiva.
Il progetto “Giovani insieme” ha consentito di ottenere più risultati di pari valenza: innanzitutto negli oratori si sono potute incrementare le attività ludico-aggregative, ampliando le fasce orarie di apertura e la realizzazione di spazi “qualificati” di studio e di attività estive, venendo così incontro alla richiesta di molte famiglie lombarde, incrementando l’offerta aggregativa a disposizione dei giovani, anche a vantaggio di azioni preventive del disagio giovanile.
La proposta progettuale 2018-2019, sulla base dei risultati raggiunti, intende quindi proseguire con l’attenzione alle forme aggregative e, al contempo, con la formula utilizzata del coinvolgimento attivo dei giovani che, attraverso attività di supervisione e coordinamento delle azioni educative in oratorio, possono arricchire il loro bagaglio umano, relazionale ed esperienziale, spendibile anche in altri contesti.