SAN BERNARDINO. Messa di solidarietà al parroco don Lorenzo dopo gli attacchi ingiuriosi di cui è stato vittima

Una Messa nella chiesa di San Bernardino per esprimere solidarietà al proprio parroco don Lorenzo e dimostrargli tanto affetto. Questo han fatto le comunità di San Bernardino e Vergonzana oggi alle 10.30 . Una sorpresa per don Lorenzo Roncali, colpito da atti vandalici e frasi oltraggiose nei giorni scorsi, ma anche da un furto proprio mentre stava denunciando i primi episodi in caserma alle forze dell’ordine.

Apparentemente agli occhi del don si trattava di una celebrazione domenicale normale, ma all’offertorio sono comparsi i flash dei fotografi che l’hanno certamente insospettito. In prima fila, poi, c’era il sindaco Stefania Bonaldi, accorsa insieme ad altri concittadini di tutte le età ad esprimere vicinanza al sacerdote. La chiesa era gremita. Una giovane all’offertorio gli ha significativamente donato la chiave della comunità di San Bernardino, “per crescere insieme”. Tra le preghiere quella per “coloro che commettono atti vandalici nella nostra comunità, perché il Signore converta il loro cuore”.

Prima della benedizione, a fine Messa, don Lorenzo ha letto un messaggio ricevuto nella notte del 31 ottobre da parte di un ragazzo che diceva: “La stragrande maggioranza vuole te!”. “Tra i nostri giovani ci sono alcuni che riempiono le loro notti di nulla e di alcol sperando di dimostrare la loro potenza imbrattando muri”, ha poi detto con coraggio il parroco. Ha ricordato che gli sono stati rubati circa 8 mila euro delle offerte, esprimendo tristezza e forte dispiacere. “Ho ricevuto infinite attestazioni di affetto e di stima. Attingere al serbatoio di speranza di Gesù, questo dobbiamo fare. Pregare perché tutti si possano impegnare per il  bene delle nostre comunità parrocchiali”, ha concluso.

Dopo la funzione i bambini hanno intonato “Ti ringrazio mio Signore” e liberato tanti palloncini in cielo con la scritta “Don ti voglio bene”. Ci uniamo alla solidarietà espressa a don Lorenzo.

Luca Guerini