REFERENDUM PER L’AUTONOMIA – Nel Cremasco alle urne oltre il 40%; in città il 38,72%

A votare ieri, al Referendum per l’autonomia in Lombardia sono andati oltre 3 milioni degli aventi diritto e sul SÌ hanno cliccato in 2.869.797, pari al 95,29%; solo 118.668 i NO (3,94%) e 23.165 hanno scelto scheda bianca (0,77%).
Nella provincia di Cremona l’affluenza s’è attestata a 113.749, con espressioni di voto in linea alle percetuali regionali: 108.756 per il SÌ (95,61%), 4.046 per il NO (3,56%) e 947 scheda bianca (0,83%).
Nel nostro territorio la città ha registrato una flessione di elettori che si son recati ai seggi: 10.539, pari al 38,72% degli aventi diritto, con quasi mille femmine (14.089) in più dei maschi (13.123). Il SÌ è stato scelto da 10.068, pari quindi al 95,53%; mentre il NO appena in 383, ovvero il 3,63% e le bianche son state 88 (0.83%).
Nei Comuni del Cremasco, invece, le percentuali delle affluenze alle urne son state quasi dappertutto superiori al 40%, fatta eccezione per Trigolo, che s’è fermato al 37,25%, Spino d’Adda (37,48%), Vailate (37,59%), Romanengo (38,58%) e Gombito (39,50%).
A Ripalta Guerina spetta la corona del maggior numero di votanti: 270, pari al 62,07%; sul secondo gradino Casaletto Ceredano con il 52,96%; seguito da Torlino Vimercati (52,94%); Casaletto di Sopra (51,21%), Ticengo (50,93%) e Salvirola (50,16%).