#STOCOICONTADINI

Il primo studio sulla rivoluzione green e salutista nei consumi a tavola e negli stili di vita con i primati che il Made in Italy può offrire sarà presentato all'inaugurazione della più grande fattoria mai realizzata in Italia nel centro storico di una città alle ore 9,30 di venerdì 29 settembre a Milano, al Castello Sforzesco, da piazza del Cannone a piazza Castello con il ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina e migliaia di agricoltori con il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo e quello di Federalimentare Luigi Scordamaglia che si confronteranno sul tema l'”Italia che investe sul cibo” insieme a illustri ospiti.
A #STOCOICONTADINI per la prima volta la grande bellezza delle mille campagne italiane conquista la città per andare all'origine del Made in Italy e scoprire piante, prodotti, piatti e animali salvati dall'estinzione, ma anche i cibi più antichi, rari, costosi, o i superfood dalle speciali proprietà e le new entry arrivate in Italia con l'innovazione con il biologo naturalista Francesco Petretti e il nutrizionista prof. Giorgio Calabrese.
Una occasione unica per vivere per tutto il weekend un giorno da contadino negli orti, sui trattori o nella stalla con gli animali, dalla capra Girgentana dalle lunghe corna a forma di cavaturacciolo all'asino romagnolo sopravvissuto all'estinzione, dal maiale di Cinta senese dalla curioso fascia bianca alla gigantesca pecora Bergamasca alla mucca Varzese giunta in Italia con i barbari e che è oggi ridotta a poche decine di esemplari e a molte altre razze insieme a cavalli, oche, anatre, conigli e galline che animano la campagna italiana.
Nella grande aia verranno preparati e serviti menu contadini al 100% dagli stessi agricoltori, ma sarà possibile anche fare la spesa a chilometro zero con le specialità del territorio nel mercato si Campagna Amica che dedica un apposito spazio alla solidarietà con le specialità delle aree terremotate.
Nell'occasione sarà presentato lo studio Coldiretti che per la prima volta fotografa nel 2017 “Svolta green e salutista nei consumi” e “La rivoluzione verde che ha cambiato l'Italia”, l'unico Paese al mondo che può vantare primati che vanno dalla qualità alla diversità alimentare, dalle tradizioni culinarie antiche ai paesaggi agricoli unici.