MORTO PADRE DEMETRIO PATRINI

Profondo cordoglio sta suscitando la notizia della morte di padre Demetrio Patrini, francescano originario del Crema, dov'era nato il 3 marzo 1934, colto da un infarto devastante, mercoledì, a Londra, dove s'era recata per un breve soggiorno.
Entrato a 11 anni nel convento di Albino, ha poi completato gli studi e il noviziato in quel di Bergamo. Direttore per 25 anni del Centro Culturale Rosetum – a fianco della chiesa di Santa Maria degli Angeli a Milano – ne ha fatto un punto di riferimento internazionale per tutti i giovani artisti che seguono la vocazione del teatro musicale, disponendo di un proprio teatro, un auditorium e sale prova e di una galleria per esposizioni d'arte.
Nel capoluogo lombardo padre Demetrio era tra i frati più amati, per suo carattere bonario, la grande disponibilità e giovialità e per essere stato per anni coordinatore diocesano dei Gruppi di Preghiera di Padre Pio. Era diventato inoltre popolare anche a livello nazionale essendo stato protagonista per cinque edizioni consecutive della fortunata rubrica televisiva “Mela verde”, in onda su Retequattro ogni domenica, dove svelava i segreti di piante e fiori.
Lasciata la direzione del centro culturale nel 2010, per raggiunti limiti di età, trascorso un anno a Roma, viveva nel convento dei frati minori Cappuccini a Oreno di Vimercate, adibito all'accoglienza di quanti desiderano trascorrere qualche giorno di meditazione e raccoglimento, coadiuvando nelle riflessioni.
Le esequie, appena il corpo mortale di padre Demetrio rientreranno dall'Inghilterra, saranno celebrate nella chiesa dei Sabbioni – dov'era conosciuto per le predicazioni che veniva spesso invitato a tenere dai confratelli – per essere poi tumulate nella cappella dei frati al Cimitero Maggiore cittadino.
Lascia nel dolore le sorelle Santina e Maria e il fratello Agostino, oltre a diversi nipote cui vanno le nostre condoglianze.
L'altro fratello Ernesto, deceduto alcuni anni, è tra i benefattori più munifici dell'Ospedale Maggiore, nel cui atrio d'ingresso è stato collocato un mezzobusto bronzeo a perenne memoria, con il cui lascito – di 2,3 milioni di euro – è stato realizzato l'intervento di riqualificazione energetica e di protezione passiva del monoblocco, in fase di completamente, oltre ad alcune altre opere strutturali.
Riconoscenti nei suoi riguardi anche gli amministratori della Fondazione Benefattori Cremaschi, che hanno potuto disporre di un'importante somma, sempre lasciata dal generoso Ernesto Patrini, per realizzare la riqualificazione del blocco storico del complesso in via Kennedy.
(Nella foto: padre Demetrio, a sinistra, domenica 15 settembre 2002, all'inaugurazione di un monumento a San Pio da Pietrelcina, con monsignor Giacomo Capuzzi, vescovo di Lodi, il comandante della stazione dei Carabinieri di Melegnano e quello dei Vigili Urbani di Cerro al Lambro)