CREMA – RIPARTE LA “RIVOLUZIONE SMART”

Il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso della società austriaca Kapsch Trafficcom mosso nei confronti del Comune di Crema per l'affidamento della gestione del servizio di sosta urbana a pagamento. L'esito riconferma il pronunciamento del Tribunale Amministrativo Regionale della Lombardia, che nel mese di settembre 2016 aveva giudicato valido l'assegnazione dell'appalto alla Gestopark Srl.
Come sottolineato dal sindaco di Crema Stefania Bonaldi, la sentenza depositata nella giornata di giovedì 31 agosto scorso “chiude la fase transitoria che, nel corso dell'ultimo anno, ha congelato gli investimenti previsti dalla nuova affidataria del servizio di sosta a pagamento in città”.
“I due gradi di giudizio a nostro favore – aggiunge – hanno dimostrato la validità delle nostre ragioni: da oggi potrà quindi essere completata la rivoluzione 'smart' della sosta urbana. Con la notifica ufficiale alla società affidataria Gestopark Srl, che avverrà all'inizio della prossima settimana, decorreranno i termini per il completamento delle opere previste nel contratto di aggiudicazione.”
Soddisfazione anche da parte dell'assessore alla Viabilità e alla Mobilità Fabio Bergamaschi, che illustra i prossimi investimenti previsti in città: “Questa notizia libera finalmente l'appalto di smart parking dai lacci che gli hanno impedito di spiccare il volo. Già in pendenza del ricorso, insieme a Gestopark, abbiamo profuso ogni sforzo per iniziare a introdurre novità importanti a servizio del cittadino, come il parcheggio gentile e la possibilità di pagamento tramite App”.
“Da oggi – sottolinea – possiamo programmare gli interventi più rilevanti, anche dal punto di vista degli investimenti, come la sensorizzazione degli stalli blu e l'attivazione dell'interfaccia elettronica che consentirà al cittadino il controllo in tempo reale della disponibilità di parcheggi in città, riscontrabile consultando i pannelli elettronici o utilizzando l'apposita App per smartphone.”
“Ora che la giustizia amministrativa ha definitivamente attestato la correttezza delle procedure di affidamento dell'appalto – conclude – siamo pronti a fare ingresso nell'era della Smart Mobility.”