ARRIVA ORIGINE PER PASTA E RISO

I ministri dell'Agricoltura Maurizio Martina e dello Sviluppo economico Carlo Calenda hanno firmato il decreto per l'etichettatura d'origine su pasta e riso.
“È un risultato positivo per i produttori e per i consumatori. Avanti in questa direzione”, ha commentato il presidente di Coldiretti Lombardia e vice presidente nazionale Ettore Prandini. “È una tappa importante verso la completa tracciabilità del cibo che portiamo in tavola tutti i giorni. Una vittoria non solo di Coldiretti, che da anni si batte su questi temi – ha aggiunto – ma anche di tutti coloro che hanno a cuore il benessere delle famiglie e una vera libertà di scelta nella spesa e nel commercio. Bisogna dare atto al ministro Martina di essersi mosso con coraggio sul fronte dell'etichettatura di origine.”
A questo punto il passo successivo deve essere la completa etichettatura di origine anche per il concentrato di pomodoro, l'ortofrutta trasformata, i succhi e le conserve.
“Dobbiamo rimettere in discussione il principio del codice doganale e arrivare all'indicazione di origine per tutti i prodotti agroalimentari per dare sicurezza e certezze ai consumatori – ha sottolineato inoltre Prandini – non dimentichiamoci che 2 prosciutti su 3 sono venduti come italiani, ma arrivano da maiali allevati all'estero, che un pacco di pasta su tre è fatto con grano straniero senza indicazione in etichetta, come pure 1 pacco di riso su 4 ma anche i succhi di frutta o il concentrato di pomodoro le cui importazioni dalla Cina sono aumentate del 43% nel 2016 e hanno raggiunto circa 100 milioni di chili, pari a circa il 20% della produzione nazionale in pomodoro fresco equivalente.”
L'obbligo di indicare in etichetta l'origine è una battaglia storica della Coldiretti che con la raccolta di un milione di firme alla legge di iniziativa popolare ha portato all'approvazione della legge n. 204 del 3 agosto 2004. Da allora molti risultati sono stati ottenuti anche in Europa ma altra strada resta da percorrere.
L'Italia, sempre sotto il pressing della Coldiretti, ha fatto scattare il 19 aprile 2017 l'obbligo di indicare il Paese di mungitura per latte e derivati dopo che il 7 giugno 2005 era entrato già in vigore per il latte fresco e il 17 ottobre 2005 l'obbligo di etichetta per il pollo Made in Italy; mentre a partire dal 1° gennaio 2008 l'obbligo di etichettatura di origine per la passata di pomodoro.
A livello comunitario il percorso di trasparenza è iniziato dalla carne bovina dopo l'emergenza mucca pazza nel 2002, mentre dal 2003 è d'obbligo indicare varietà, qualità e provenienza nell'ortofrutta fresca. Dal primo gennaio 2004 c'è il codice di identificazione per le uova e, a partire dal primo agosto 2004, l'obbligo di indicare in etichetta il Paese di origine in cui il miele è stato raccolto.