CREMA – 18ENNE ANNEGA NEL VACCHELLI

Tragedia nel pomeriggio di ieri a Crema lungo il canale Vacchelli. Un giovane di origini nordafricane residente a Crema è stato risucchiato dalle acque che lo hanno restituito cadavere qualche centinaio di metri più in la rispetto al punto in cui il 18enne si era tuffato.
Il dramma si è consumato poco prima delle 17. Il giovane ha raggiunto la zona denominata 'quadrato', in via Miglioli, nei pressi dello Zanzibar, quartiere cittadino di San Bernardino. Alcuni testimoni l'avrebbero visto spogliarsi e gettarsi in acqua per sfuggire alla calura. Purtroppo la forte corrente del canale ha messo in difficoltà il giovane che non è più riuscito a raggiungere le sponde neppure quando un connazionale ha cercato di soccorrerlo. L'acqua se l'è portato via.
Immediati sono stati attivati i soccorsi con agenti del Commissariato, 118 e Vigili del Fuoco giunti sul posto in pochi minuti. Da Malpensa si è levato in volo anche un elicottero. Il corpo del giovane è stato avvistato nei pressi del ponte di San Bernardino dopo circa un'ora. Lì è stato recuperato. Ai sanitari l'ingrato compito di constatare il decesso del 18enne le cui generalità sono state 'ricostruite' dalla Polizia non senza fatica. Si tratta di un nigeriano richiedente asilo (V.O.) ospite del progetto di accoglienza diffusa avviato da tempo dalla Caritas in città. Giovane che è fuggito passando per il deserto e scampando alla guerra in Libia per imbarcarsi e raggiungere l'Italia, dove sperava di poter avere l'occasione di costruirsi una vita serena. Sogno infranto in un caldo pomeriggio d'inizio estate.