KARATE – LA GKA MONTODINE BRILLA

Stagione agonistica in dirittura d'arrivo con la finale del Campionato Nazionale, che si è svolta ad Alzano Lombardo. La Gymnastic Karate Association, accompagnata dal professor Gabriele Ruggeri (cintura nera VI Dan, direttore tecnico da sempre alla guida della GKA di Montodine), non manca neppure quest'anno di mettere a segno diversi podi.
Alzano Lombardo, nell'alta bergamasca, ha quindi ospitato la finale del Campionato italiano di karate firmato Unione Karate Sportivo (UKS) presso il palazzetto dello sport locale. Una bellissima struttura di recentissima costruzione, impreziosita dalle grandissime vetrate che lasciano ammirare il paesaggio montano circostante.
Numerosi gli atleti presenti che hanno riempito le diverse pool rendendo veramente agguerriti gli incontri e le sfide all'ultimo “Kiai” (il grido lanciato dai karateka) e impegnando a fondo il team arbitrale, sempre all'altezza della situazione.
Anche la GKA ben figura portandosi a casa diverse medaglie. La gara per la società sportiva cremasca inizia con il kata di Andrea Bergami (categoria esordienti cinture marroni) che conquista una medaglia di bronzo in una agguerritissima pool. Si continua con Matteo Nichetti che supera bene la prima selezione ma si ferma lì, pagando lo scotto di un periodo di allenamenti incostante; medesima avventura nei veterani femminili cinture marroni per Teresa Beccalli: supera il primo turno, ma non si va oltre. E nei senior femminili cinture nere Alice Fenini incappa in una giornata no. La giornata prosegue con prestazioni alterne, finché la seconda medaglia, un altro bronzo, arriva di nuovo con Andrea Bergami, stavolta nel kumite a squadre. Nel tardo pomeriggio, nella categoria veterani risplende l'argento della signora Raffaella Reggiani, atleta sempre e da sempre sul podio, nazionale e internazionale.
Dopo aver superato la selezione nel kata senior maschile cinture nere, si ripete per Andrea Gerola il triste epilogo. Festeggia invece il suo rientro alle gare nazionali con un bel bronzo nel kata senior cinture nere, Alice Malusardi, atleta di spicco della GKA che per lavoro era rimasta lontana dai tatami per circa un anno, ma che ha molto ben figurato in mezzo alle “vecchie” e nuove “teste di serie” di profilo mondiale che hanno gareggiato nella sua medesima pool.
Stagione agonistica in dirittura d'arrivo, ma non finita: il 10 e 11 giugno appuntamento a Verona con la Black Belt Cup una gara internazionale dal sapore mondiale.