CASTELLEONE – SANTUARIO IN FESTA

Con l'apertura dei pellegrinaggi ha preso avvio il mese mariano che a Castelleone riveste un significato particolare perché quello nel quale si celebra l'anniversario delle apparizioni della Madonna a Domenica Zanenga. 506 anni fa, l'11, il 12, il 13 e il 14 maggio, l'immagine della Vergine si stagliò nel cielo davanti agli occhi della pia donna nel luogo in cui, qualche anno dopo, venne eretto il Santuario dedicato a Maria. Da allora i castelleonesi ne venerano l'immagine e ricordano il primo dei quattro eventi miracolosi in un giorno che per l'intero borgo è di festa.
Giovedì 11 la memoria solenne prevede alle 9.30 la celebrazione in chiesa parrocchiale alla quale farà seguito la processione verso il santuario nel quale, alle 11, il vescovo di Cremona Antonio Napolioni presiederà l'eucarestia. Un'altra solenne Messa chiuderà la giornata alle 19, a celebrarla sarà il parroco monsignor Amedeo Ferrari. Nel mezzo la festa sui prati verdi del Santuario con le famiglie che si ritroveranno per il tradizionale pic-nic e per una passeggiata tra le bancarelle che si disporranno lungo i vialetti che portano alla sacra costruzione.
Venerdì 12, giornata della seconda apparizione, è detta dei 'bambini e dei ragazzi'; è caratterizzata da un incontro di preghiera alle 16.30 per l'affidamento a mAria delle nuove generazioni e da una Messa alle 21 conclusa dalla benedizione di automobili e veicoli. Il giorno successivo invece la Messa delle 15.30 sarà per affidare alla Vergine gli ammalati, mentre domenica 14 maggio chiusura delle celebrazioni con l'Eucarestia delle 10 dedicata agli anniversari di matrimonio, il pellegrinaggio della parrocchia della frazione di Corte Madama, e la processione serale delle 21 da piazza Fondalo al Santuario con la recita del Rosario, delle Litanie, il te Deum e la benedizione eucaristica.
Lunedì 15 alle 17 ufficio per defunti e benefattori.