LE 'CROCEROSSINE' DAL VESCOVO DANIELE

Il Corpo delle Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana, hanno incontrato oggi pomeriggio alle 16, in palazzo vescovile, il vescovo Daniele. Hanno voluto dargli il benvenuto nella nostra città, “una città che l'accoglie con piacere ed entusiasmo”, ha detto l'ispettrice sorella Angela Torazzi.
“Le Infermiere Volontarie CRI, 'Crocerossine' – ha continuato, presentando la loro attività al nuovo pastore della diocesi nell'incontro molto cordiale – sono rappresentanti dell'attenzione e della cura, non solo sanitaria, nei confronti dei più deboli. Dal lontano 1908 attraverso le due Guerre Mondiali e ancora oggi negli scenari di battaglia, così come negli ospedali o negli ambulatori portiamo il nostro aiuto volontario a chi ne ha bisogno, cercando di incarnare ogni giorno il nostro motto AMA CONFORTA LAVORA SALVA.
La città di Crema – ha continuato – venera come patrono un medico, San Pantaleone, che teniamo come esempio per il nostro operato quotidiano. Un servizio, il nostro, che si svolge accanto ai più deboli, ai malati, ai bisognosi, un'attività costante che compiamo con dedizione e con attaccamento anche sull'esempio della nostra patrona santa Caterina da Siena.” Proprio domani, infatti, cade la memoria della grande santa, vergine e dottore della Chiesa, patrona d'Italia, compatrona d'Europa.
“Santa Caterina protegge il Corpo delle Infermiere Volontarie dal 1947 – ha concluso l'ispettrice – e ci guida con il suo modello di vita, durante la quale interpretò la carità cristiana in modo operativo e concreto, tanto che frequentò giornalmente l'ospedale senese portando assistenza e conforto ai malati. Rappresenta dunque il modello di Infermiera Volontaria per eccellenza, piena di carità, pazienza, energia e forza di volontà.”
Il vescovo Daniele ha risposto alle parola della rappresentante delle “crocerossine” apprezzamento per il ruolo e l'attività che svolgono in loco e all'estero. E con l'intercessione di santa Caterina da Siena, patrona delle Crocerossine, ha impartito la benedizione mettendo sotto la protezione della Santa l'impegno che le infermiere volontarie di Croce Rossa rivolgono ai più deboli e bisognosi.
Una quarantina sono le cremasche iscritte al Corpo delle Infermiere Volontari della Croce Rossa, dette Crocerossine, ausiliarie delle forze armate. L'ispettrice uscente è la sorella Angela Torrazzi, l'ispettrice nominata la sorella Federica Tola, viceispettrice la sorella Perla Segantini.