MAFIE: LE RETORICHE E LE INCHIESTE

Si è tenuto ieri, presso la biblioteca comunale di Crema, il corso “Mafie: le retoriche e le inchieste – Come riconoscere un oggetto 'troppo' noto”.
Un momento di studio – organizzato dal Comune di Crema, insieme a Libera-Associazioni, nomi e numeri contro le mafie e a Cisvol-Csv Cremona – proposto gratuitamente alla cittadinanza e tenuto da un docente d'eccezione: Gianni Belloni, giornalista de L'Espresso e Il Fatto Quotidiano Online, esperto di ambiente e criminalità organizzata, formazione e sviluppo locale.
La giornata è stata articolata in due distinti momenti nella sala “Carlo Rivolta” della biblioteca: in mattinata, dalle 10 alle 12.30 ci si è concentrati sull'inchiesta e sulla conoscibilità del contesto sociale, approfondendo poi il concetto e la tipologia di mafie secondo la mobilità e i contesti, le appartenenze e le reti; nel pomeriggio, invece, dalle 14 alle 18, è stato affrontato il tema “Mafie sfuggenti: trappole nel percorso di conoscenza”, sviluppando le fonti e le rappresentazioni dell'agire mafioso e dell'antimafia.
Al temine della lunga giornata a tutti gli iscritti è stato offerto un aperitivo con i prodotti di Libera Terra.