AL VIA IL CARNEVALE CREMASCO

L'eccellente performance dell'Orchestra di Fiati di Crema, diretta dal maestro Davide Pedrazzini, al “Gran Concerto di Carnevale” – organizzato dal Comitato Carnevale Cremasco, con il patrocinio della Regione Lombardia e del Comune di Crema, venerdi sera al Teatro S. Domenico – ha dato inizio alla 31a edizione della manifestazione carnevalesca. Clima che gli orchestrali han ben saputo trasmettere con musica di alto livello, armoniosa e frizzante, che, echeggiando nella bella cornice del teatro, ha creato un'autentica atmosfera di festa!
Serata ottimamente riuscita con grande soddisfazione del presidente del Comitato Carnevale Cremasco Eugenio Pisati e di tutti i volontari.
L'orchestra ha subito incantato il numeroso pubblico con “La marcia dal gagèt”, brillante inno del Carnevale Cremasco, dedicato alla simpatica maschera della città, appositamente composto dal maestro Davide Pedrazzini per l'occasione vestito da Gagèt!
La valida formazione ha poi proseguito con musiche impegnative quali “Klipp-klapp” di Johann Strauss, seguita da una spumeggiante sinfonia dall'opera “Don Pasquale” di Gaetano Donizzetti, “Sobre las olas” di Juventino Rosas e “Southwest saga” di Robert Sheldon. Su queste note e su altre ancora, a “scaldare” maggiormente la platea, si sono esibiti i ballerini dell'Associazione Sportiva EM Danza di Izano dei maestri Mirko Gandelli ed Elena Pariscenti, offrendo al pubblico un quadro magnifico!
A seguire, un coinvolgente programma scelto in modo oculato: “Sea songs” di Ralph William, “Freikugeln” di Johann Strauss Junior, Suite dal balletto “Lo schiaccianoci” di Petetr Tchaikovsky, “Kalasnjikov” di Goran Bregovic e “Libertango” di Astor Piazzolla, che i bravi musicisti hanno saputo interpretare egregiamente trasportando di volta in volta il pubblico in paesaggi fantastici e coinvolgenti.
Evidente il richiamo, sia musicale che gogliardico, al prestigioso concerto di Capodanno della Wiener Philharmoniker. Il pubblico delle grandi occasioni, ha apprezzato e riconosciuto la qualità e la professionalità de “Il Trillo”, con lunghi e intensi applausi per tutta la serata.
Tradizionale è stata la simbolica consegna delle chiavi della città di Crema dal parte del sindaco Stefania Bonaldi al presidente del Comitato Canevale Cremasco Eugenio Pisati e Gianni Risari, figlio di Paolo Risari, ideatore della maschera “Al Gagèt”, che nel sottolineare l'importanza per la città di Crema dell'evento carnevalesco, ha avuto parole di elogio per la “bella ed elegante musica” che “Il Trillo” sempre propone e per il ruolo sociale che svolge.
Un sentito ringraziamento è stato rivolto alla Banca Mediolanum, nella persona della signora Claudia Gentile, che ha reso possibile la realizzazione dell'evento.
Non poteva mancare in una serata così “schioppettante” e ricca di sorprese, il richiamo al dialetto cremasco. Franco De Maestri e Lina Casalini infatti, con la bravura di sempre, ha recitato una poesia scritta appositamente dal poeta Carlo Erba per il Carnevale di Crema. Marco Gipponi poi, è intervenuto illustrando, con la simpatia che solo lui sa trasmettere, il programma del “Carnevale Cremasco”.
E dopo una serata così frizzante… buon Carnevale a tutti!!!
(Nella foto: i ballerini di EM Danza sul palco del San Doemnico con l'Orchestra di Fiati dell'associazione “Il Trillo”)