CREMONA – DANZA AL PONCHIELLI

Da giovedi 19 gennaio andranno in vendita presso la biglietteria del Teatri i biglietti per i singoli spettacoli della Danza 2017. Sempre da giovedi 19 gennaio (a partire dalle ore 10.30) sarà possibile acquistare i biglietti on line sul sito www.vivaticket.it

Nijinski, è il titolo che apre la rassegna di Danza 2017.
A presentare l'intensa vita sia artistica che umana del grande danzatore e coreografo russo che stravolse con le sue creazioni le regole della tradizione del balletto del '900, sarà la Gauthier Dance, fiore all'occhiello tra le compagnie di danza tedesche.
Ancora una compagnia di fama internazionale che raramente abbiamo il piacere di vedere in Italia: la Nederlands Dans Theater 2, di fatto i giovani talenti dell'ammiraglia NDT, presentano una serata che comprende quattro coreografie frutto di collaborazioni con coreografi di fama mondiale; l'ultima di queste, Handman, creata da Edward Clug – direttore artistico e coreografo dello Slovenian Maribor Ballet – sarà da noi  in prima italiana.
Ed è una prima italiana anche lo speciale appuntamento a marzo con l'americana Bill T. Jones/Arnie Zane Company, da sempre considerata una delle entità più forti e innovative della modern dance, accompagnata sul palco da una formazione musicale fra le più interessanti che vanta numerosi riconoscimenti e premi a livello internazionale, il Quartetto Nous, per altro particolarmente legato a Cremona e al suo Teatro che li ha visti crescere artisticamente durante gli anni di perfezionamento all'Accademia Stauffer.
Restiamo oltre confine, in Francia: dopo il grande successo dello scorso anno dei Kafig torna la spettacolare danza hip hop questa volta con gli eccellenti danzatori della compagnia Accrorap nll'emozionante e virtuosistico The Roots.
A febbraio, poi, per la prima volta a Cremona, la danza Sufi: una danza che prevede un grande sforzo fisico e mentale qui interpretata e rielaborata in chiave contemporanea dell'artista turco Ziya Azazi in Dervish.
E, infine, due fra le realtà coreutiche più importanti del nostro Paese.
Al Ponchielli, in prima assoluta, Phoenix, nuova creazione di Philippe Kratz, giovane coreografo e danzatore da anni in seno alla prestigiosa compagnia Aterballetto che nella stessa serata presenterà anche due imperdibili lavori di Jiří Kylián e Johan Inger.
Non da meno sarà la serata che vedrà in scena i giovani talenti dello Junior Balletto di Toscana con Romeo e Giulietta, toccante coreografia di Davide Bombana vincitrice del premio “Danza &Danza” come miglior produzione italiana 2015. Romeo e Giulietta come Admira e  Bosko, due giovani amanti realmente esistiti- lei musulmana, lui il suo fidanzato serbo – uccisi nel tentativo di fuggire dalla guerra a Sarajevo.

sabato 11 febbraio ore 20.30
GAUTHIER DANCE//
DANCE COMPANY THEATERHAUS STUTTGART(D)
NIJINSKI
coreografia Marco Goecke
musica Frédéric Chopin, Claude Debussy, Libana

Dopo il grande successo di Poppea,Poppea nel 2012, torna al Ponchielli la Gauthier Dance, fiore all'occhiello tra le compagnie di danza tedesche, Goecke si confronta ora con il grande genio della danza del XX secolo Vaslav Nijijsky, la stella dei Ballets Russes di Sergei Diaghilev , danzatore e coregrafo di L'Après-midi d'un faune e Le Sacre du Printemps, capolavori che hanno stravolto le regole della tradizione del balletto.
Di Nijinski, magistralmente interpretato dall'italiano Rosario Guerra, Goecke racconta gli affetti avuti e mancati, la bruciante ascesa artistica e il declino della malattia che lo porterà, delirante, a trovare pace nella pittura.