VAL DI SCALVE – SCIVOLA IN UN CANALONE

Tragedia sfiorata venerdì pomeriggio in Val di Scalve. Un escursionista cremasco è caduto in un canalone riportando diversi traumi. La moglie, che si trovava con lui, ha avuto la lucidità di raggiungerlo, prestargli il primo soccorso e allertare il 118. L'uomo è stato tratto in salvo e ricoverato in ospedale.
L'incidente si è verificato nell'ultimo tratto del sentiero che porta al Cimon della Bagozza, 2.200 metri d'altezza. L'uomo lo stava percorrendo con la moglie quando è scivolato in un canalone riportando diversi traumi. La donna nonostante lo choc ha avuto la forza di calarsi nel dirupo e raggiungere il marito accudendolo mentre lanciava con il telefono cellulare l'allarme al 118. Erano le 17 e la macchina dei soccorsi si metteva in moto coinvolgendo VI Delegazione orobica del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico, squadre territoriali delle stazioni di Schilpario e del Centro operativo di Clusone e Carabinieri di Vilminore di Scalve. Un imponente apparato che con l'ausilio di due elicotteri riusciva a trarre in salvo l'uomo che intorno alle 23 raggiungeva l'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.
Il Cremasco è stato ricoverato in terapia intensiva. Ha subito diversi traumi ma non sarebbe in pericolo di vita. La moglie è stata visitata per un principio di ipotermia e dimessa.