CREMA – OSPEDALE: NUOVI REPARTI

Mattinata cremasca, quella di sabato 26 novembre, per l'assessore regionale al “welfare” Giulio Gallera, in visita all'ASST Ospedale Maggiore in occasione dell'inaugurazione dei reparti ristrutturati di Chirurgia Generale, Chirurgia Vascolare, Ostetricia-Ginecologia, Percorso Nascita e Sala operatoria di Elettrofisiologia. Interventi per i quali l'ospedale di Crema, grazie anche a fondi regionali, ha investito 3 milioni e 700 mila euro.
L'assessore Gallera inizia la sua visita alle ore 9: prima tappa il presidio “Santa Marta” a Rivolta d'Adda, per l'incontro con i dipendenti e per ascoltare la descrizione delle attività riabilitative da parte dei dottori Giorgio Cerizza, Oreste Febo, Caterina Groppelli, Alessandro Scartabellati e Roberto Sfogliarini.
Alle ore 10.30 circa l'arrivo a Crema. L'assessore visita in Cardiologia l'avveniristica sala operatoria di Elettrofisiologia e passa subito dopo nei reparti ristrutturati. Alle ore 11 la benedizione e il taglio del nastro dell'attesissimo Percorso Nascita, posto al quarto piano presso la rinnovata Unità operativa di Ostetricia-Ginecologia.
A seguire, tutti in Sala Polenghi. Dopo l'introduzione del direttore generale dottor Luigi Ablondi, le nuove e rinnovate realtà vengono presentate dai rispettivi direttori: il dottor Aldo Arzini (Chirurgia Vascolare), il dottor Maurizio Landolina (Cardiologia), il dottor Graziano Pisano (Chirurgia Generale) e il dottor Vincenzo Siliprandi (Ostetricia-Ginecologia). Intorno alle ore 11.30, quindi, i saluti istituzionali del sindaco Stefania Bonaldi e dei consiglieri regionali Agostino Alloni, Federico Lena e Carlo Malvezzi. Conclude il momento ufficiale l'intervento dell'assessore regionale Gallera.
A mezzogiorno e mezzo, infine, l'incontro presso la sala riunioni della Direzione generale con i sindaci, gli amministratori delle RSA e delle strutture private del territorio.
(Nella foto: la nuova sala travaglio-parto, con vasca per il parto in acqua, nella riqualificata Unità operativa di Ostetricia-Ginecologia al quarto piano)