COLDIRETTI – CACIOTTA DELLA SOLIDARIETÀ

Una straordinaria prova di generosità. Per gli agricoltori di Coldiretti non c'è altro modo per definire la “corsa” all'acquisto delle caciotte della solidarietà – prodotte con il latte delle stalle colpite dal terremoto nel Centro Italia – ieri mattina al Mercato di Campagna Amica a Crema. In appena due ore tutte le caciotte portate presso il Mercato (poco meno di cento) sono state vendute.
È stato un susseguirsi di persone che, acquistando la caciotta con la speciale etichetta “Aiutaci ad aiutarli”, proposta al prezzo di 10 euro – con l'intero incasso della vendita benefica che sarà immediatamente consegnato ai produttori – hanno voluto testimoniare la propria vicinanza alle comunità rurali di Amatrice, Norcia, Leonessa, così da garantire un aiuto alla sopravvivenza delle aziende agricole e alla ricostruzione.
“Grazie di cuore a tutti. Ci dispiace per le tante persone che, dopo le 10.30, ci hanno chiesto le caciotte della solidarietà e non hanno potuto acquistarle”, commentano gli agricoltori di Coldiretti. “Promettiamo di riproporre quanto prima la vendita benefica a Crema, vista la commovente generosità che abbiamo trovato. Dietro l'acquisto di questa caciotta, semplice e genuina, ci sono migliaia di mucche salvate e con loro allevatori e famiglie che potranno continuare la propria attività aziendale.”
Si proseguirà nella vendita domenica prossima a Cremona, in piazza Stradivari.
“Come Coldiretti Cremona – sottolinea il presidente Paolo Voltini – prendiamo l'impegno di proseguire e moltiplicare le iniziative in aiuto alle comunità colpite dal terremoto. Si tratta di gesti piccoli, ma che hanno un impatto economico diretto su queste zone, per dare continuità all'attività e all'occupazione e fermare l'abbandono delle campagne duramente colpite.”
“Si tratta di un segnale concreto di ripresa, nonostante le tante difficoltà – aggiunge – ma anche un'opportunità per i tanti consumatori che vogliono sostenere direttamente i produttori dei territori colpiti, senza cadere nel rischio di truffe o inganni, che spesso si nascondono dietro internet.”
Con l'arrivo del maltempo l'emergenza si è aggravata, evidenziano i Coldiretti Cremona, e occorre una corsa contro il tempo per dare la possibilità agli allevatori di stare vicino ai propri animali con container, roulotte o moduli abitativi, ma servono anche ricoveri sicuri per il bestiame con stalle, fienili e casolari lesionati, distrutti o inagibili.
Per aiutare le aree rurali è anche attivo uno specifico conto corrente denominato “COLDIRETTI PRO-TERREMOTATI” (iban: IT 74 N 05704 03200 000000127000).