DAL MINISTERO DIECI BICI SPERIMENTALI

Dieci biciclette speciali per ridurre gli sprechi e l'inquinamento. Nell'ambito della promozione delle politiche di mobilità sostenibile a ridotte emissioni e alternative all'auto privata, la Giunta comunale ha approvato la manifestazione d'interesse del Comune di Crema per “e-bike 0”, la sperimentazione del prototipo di bicicletta a pedalata assistita ad emissioni zero promossa dal Ministero dell'Ambiente. Lo scorso maggio il Ministero ha pubblicato l'elenco dei Comuni ammessi – tra i quali Crema – cui sono state assegnate dieci biciclette. La concessione rientra nel Progetto Ducati, studiata per testare il prodotto in ambito urbano. Oltre a Crema, usufruiranno del servizio i Comuni di Perugia, Pescara, Schio, Cosenza, Feltre, Ascoli Piceno, Guidonia, Capannori, Rossano, Messina, Trieste, Bisceglie e Aprilia.
Si tratta di mezzi a pedalata assistita, dotati di particolari tecnologie in grado di monitorare l'ambiente rilevando diversi tipi di sostanze inquinanti. Durante il tragitto – tracciato tramite GPS – i mezzi registrano i valori in grado di determinare la qualità dell'aria; una volta riposizionate nelle apposite rastrelliere, i dati rilevati vengono scaricati e trasmessi al sistema centrale, quindi a Ducati Energia per la rielaborazione. Ogni bicicletta è inoltre dotata di sistema elettrico KERS, dispositivo elettromeccanico in grado di recuperare parte dell'energia cinetica di un veicolo e trasformarla in energia meccanica o elettrica, pronta per essere riutilizzata. Oggi è stata ultimata l'installazione dell'apposita rastrelliera, dove i mezzi devono essere parcheggiati per la ricarica e lo scambio di dati.
“Le biciclette saranno utilizzate dagli amministratori e dai dipendenti comunali per spostarsi da una sede all'altra e per effettuare eventuali sopralluoghi”, spiega l'assessore all'Ambiente Matteo Piloni. “Un modo per contribuire a ridurre l'inquinamento e limitare l'uso delle auto, e che segue l'acquisto di un auto elettrica in dotazione alla Polizia Locale.”