CREMA – MALTRATTAMENTI, CC INTERVENGONO

Nella mattinata di ieri i carabinieri della stazione di Crema sono intervenuti in un'abitazione della città ove una donna lamentava di essere vittima di maltrattamenti da parte del marito. La malcapitata e il figlio sono stati affidati alla Rete Contatto mentre l'uomo è stato deferito anche per il possesso illegale di un'arma.
“All'arrivo dei militari – spiega il maggiore Giancarlo Carraro, al comando della Compagnia dei Cc di Crema – la donna appariva alquanto scossa e asseriva che da oltre un anno era vittima di continue vessazioni sia fisiche che verbali da parte del marito convivente, un artigiano del posto. Accompagnata in caserma la malcapitata raccontava nei minimi particolari tutti i momenti difficili che aveva passato negli ultimi mesi che via via si sarebbero sempre più ripetuti nel tempo ed aggravati, tanto da costringerla a chiedere aiuto alle Forze dell'Ordine poiché temeva seriamente per la sua incolumità”.
Durante la stesura della denuncia ai Carabinieri non sfuggiva un particolare del racconto. In casa l'uomo deteneva un'arma, così immediatamente i militari si sono portati presso l'abitazione dove hanno effettuato una perquisizione alla presenza del marito della signora rinvenendo sopra ad un armadio una pistola cal. 6,35 nonché oltre 100 proiettili del medesimo calibro; l'arma non risultava detenuta legalmente.
“Grazie al protocollo d'intesa sottoscritto tra questo Comando e l'associazione RETE CONTATTO di Crema (che tra l'altro nel mese di maggio c.a. ha addestrato diversi militari dei reparti dipendenti di questa Compagnia sull'attività da svolgere nei confronti delle vittime di violenza domestica) – spiega Carraro – la donna e il figlio adolescente venivano a loro affidati ed ospitati in una loro struttura, per evitare che potessero subire altre violenze”.
“Giova ricordare – conclude il maggiore – che presso il Comando Generale dell'Arma dei Carabinieri è stata istituita, in seno al Reparto Analisi Criminologiche su proposta del Dipartimento delle Pari Opportunità, una Sezione Atti Persecutori che studia tale fenomeno criminoso. I dati raccolti sono disarmanti e dicono che oltre il 90 % dei reati di violenza domestica è causato dall'uso delle armi”.